Le 10 aziende francesi più ricche

In questa speciale classifica vi proponiamo le 10 aziende francesi più ricche. Le posizioni sono state stilate in base alla capitalizzazione di mercato di ognuna di essa.

Tutte le società sono quotate alla Borsa di Parigi, sull’indice più importante ovvero il Cac 40. I dati sono aggiornati ad Aprile 2020.

Se ti interessa questo tipo di articolo, leggi anche “Le 10 aziende più ricche al mondo: ecco la classifica”.

Di seguito, dalla decima alla prima posizione, ecco le 10 aziende francesi più ricche.

10. Airbus

Apre la classifica il costruttore numero uno di aerei civili al mondo. Dal 2019 Airbus ha superato anche l’americana Boeing, da decenni leader del settore. La società francese diventa così la prima azienda al mondo per numero di consegne.

Capitalizzazione di mercato: 41,2 miliardi di euro

9. Danone

Presente in oltre 120 paesi, è l’industria leader del settore alimentare. Produce principalmente prodotti lattiero-caseari e di origine vegetale. In Italia la ricordiamo tutti per la famosa pubblicità con Ciro Ferrara come testimonial.

Capitalizzazione di mercato: 40,45 miliardi di euro.

8. Essilux

Leader mondiale del settore ottico, la società italo-francese è nata dalla fusione di due delle più importanti aziende globali del settore: Essilux e Luxottica. Ricordiamo che il patron di Luxottica è il “nostro” Leonardo Del Vecchio, secondo uomo più ricco d’Italia.

Capitalizzazione di mercato: 46,11 miliardi di euro.

7. Air Liquide

Attiva nel settore dei laboratori chimici e nella produzione di componenti elettronici per saldatura e sanità, si occupa principalmente della produzione di gas per impianti industriali. La sede principale si trova a Parigi.

Capitalizzazione di mercato: 55,32 miliardi di euro.

6. Kering

La holding Kering è attiva nel settore del lusso e possiede grandi marchi di abbigliamento, fra i più prestigiosi al mondo. Tra le sue controllate ci sono: Gucci, Yves Saint Laurent, Balenciaga, Alexander Mc Queen, Bottega Veneta, Boucheron, Brioni, Pomellato.

Capitalizzazione di mercato: 59,36 miliardi di euro.

5. Hermes

Si tratta di un’altra azienda attiva nel settore dell’alta moda. Tra le principali produzioni ci sono. Pret-a-porter, accessori, pelletteria, arredamento, gioielli, profumi e valigie. Il suo stilista di punta è il noto Lemaire, ex-Lacoste.

Capitalizzazione di mercato: 63,83 miliardi di euro.

4. Total

Sicuramente la conoscerete tutti, grazie alle sue numerose stazioni di rifornimento. E’ tra le prime 4 aziende al mondo operanti nel settore oil & gas. Si occupa sia della vendita al dettaglio che della ricerca di giacimenti di petrolio.

Capitalizzazione di mercato: 90,38 miliardi di euro.

3. Sanofi

Sul podio delle aziende francesi più ricche troviamo Sanofi, noto gruppo farmaceutico francese. Nato dalla fusione tra Sanofi-Synthelabo e Aventis, è fra i leader mondiali del settore. La sua sede principale è a Parigi, ed è presente con le sue filiali in oltre 100 paesi sparsi in tutti i continenti.

Capitalizzazione di mercato: 107,47 miliardi di euro.

2. L’Oreal

Le donne conosceranno sicuramente questo grande marchio del settore beauty e cosmesi, indiscusso leader mondiale del settore. Nata nel lontano 1907, all’epoca il fondatore Schueller mise a punto una formula che permetteva di tingere i capelli. Da lì in poi, fu un grande successo in tutto il mondo.

Capitalizzazione di mercato: 131,38 miliardi di euro.

1. LVMH

E’ la più grande azienda del lusso del globo, di LVMH fanno parte solo grandissimi marchi. Oltre che nel settore dell’abbigliamento, è attiva anche in quello degli orologi e dei gioielli di lusso. Tra le sue controllate ci sono: Louis Vuitton, Christian Dior, Bulgari, Fendi, Givenchy, Kenzo, Tiffany, Moet & Chandon, Veuve Cliquot.

Capitalizzazione di mercato: 171,58 miliardi di euro.

Ti è piaciuta questa risorsa? Premiaci!
[Totale: 4 Media: 3.5]

About Vincenzo F

Grande appassionato di economia e finanza, mi piace scrivere su mercati, indici, azioni, investimenti e tutto ciò che riguarda questo settore. Studio costantemente l'andamento dei mercati, e sono sempre alla ricerca di rialzi e ribassi. Ho fatto in tempo a comprare un monolocale e un pc. Tutto il resto l'ho investito.

Leggi Anche

Unicredit-BPM: no di Mustier alla fusione, spunta MPS?

Dell’ipotetica fusione tra Unicredit e Banco BPM ne avevamo già parlato qualche giorno fa. Avevamo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *