Arrivato bonus 600 euro, possibile la domanda retroattiva: ecco per chi

È oggi il giorno di pagamento per i tanti lavoratori autonomi e partite iva che hanno richiesto il bonus di 600 euro all’Inps. Chi non lo riceverà oggi, lo troverà in accredito sul conto corrente direttamente lunedì 25 maggio.

Ricevono oggi l’indennità di 500 euro anche i lavoratori a tempo determinato dell’agricoltura.

È inoltre introdotta una proroga di ulteriori 15 giorni per procedere con la domanda retroattiva del bonus di amrzo.

Vediamo i possibili beneficiari e le eventuali compatibilità con altre misure di sostegno.

Lavoratori autonomi e liberi professionisti, le condizioni per il bonus

La condizione indispensabile per richiedere il contributo a fondo perduto di 600 euro è di essere iscritti alla Gestione Separata Inps.

Beneficiari

  • lavoratori autonomi
  • co.co.co
  • lavoratori stagionali terme e turismo
  • lavoratori dello spettacolo
  • operai agricoli
  • collaboratori sportivi

L’indennità è automatica, una volta fatta la domanda, per ricevere i bonus di 600 euro. È possibile ancora fare domanda retroattiva per quanto riguarda il bonus di marzo.

Per quanto riguarda il mese in corso invece, bisognerà procedere con domande specifiche (ancora non è possibile presentarle al momento) per ottenere un indennizzo di mille euro.

Compatibilità con altre agevolazioni

Il bonus dell’Inps è compatibile con l’assegno ordinario di invalidità e con il bonus extra di 500 euro destinato solo ai lavoratori delle zone rosse.

Invece non possono richiedere il contributo Inps chi usufruisce del reddito di cittadinza, chi riceve una pensione diretta, chi ha un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

Anche i liberi professionisti iscritti alle Casse Private hanno diritto al bonus. In tal caso possono ottenerlo anche coloro che hanno chiuso la partita iva tra febbraio e marzo oppure chi si era appena iscritto nel 2019 o 2020. Nel caso di questa tipologia di professionisti, il bonus è compatibile anche se hanno sottoscritto altre forme pensionistiche.

Infine i venditori porta a porta, gli intermittenti, occasionali e stagionali che non lavorano nel turismo e gli autonomi che non hanno partita iva possono richiedere il bonus di 600 euro in ultima istanza, con domanda unica all’Inps entro 15 giorni.

 

Ti è piaciuta questa risorsa? Premiaci!
[Totale: 0 Media: 0]

About Natalia Piemontese

Copywriter e mamma freelance da 10 anni sul web. Laureata con master in risorse umane, da anni mi occupo di tematiche del lavoro e business nel digitale.

Leggi Anche

800 mila euro alle imprese, ecco come si raggiunge il valore nominale

Il decreto Rilancio Italia, annunciato ufficialmente in settimana dal premier Conte, ha incrementato di 1.500 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *