Coronavirus: L’Inps comunica le ultime novità per la cassa integrazione

Con la nuova proroga cassa integrazione del Decreto Rilancio ovvero con il Decreto Legge numero 34 del 19 maggio 2020, importanti novità a sostegno delle imprese hanno ottenuto un ulteriore ampliamento sul riferimento temporale da applicare. Inoltre, proprio di recente l’Inps ha inserito sul suo sito ufficiale, un documento riepilogativo sulle novità per cassa integrazione e assegno ordinario e in attesa delle circolari ufficiali con i dettagli normativi.

cassa integrazione domande

Cassa integrazione, ecco le novità più importanti chiarite di recente dall’Inps

Secondo il documento pubblicato sul sito ufficiale dell’Inps il 06 giugno 2020 e visionabile, tra l’altro, proprio tra le notizie principali dell’ente, sono diverse le novità approvate sulla cassa integrazione e sull’assegno ordinario a favore delle imprese. Ecco alcune delle più importanti:

  • Le imprese potranno richiedere l’applicazione della Cassa integrazione per un ulteriore periodo non superiore alle 5 settimane. In questi casi, è però da utilizzare la causale “Covid-19 nazionale” per i periodi di applicazione dal 23 febbraio al 31 agosto 2020.
  • Le procedure da seguire saranno più snelle. Confermata, anche la possibilità per le imprese di inviare la richiesta della ulteriore cassa integrazione con una unica domanda.

Tale domanda, dovrà essere presentata direttamente all’Inps e previa autorizzazione delle prime 9 settimane concesse alle proprie regioni di appartenenza. Dal 18 giugno 2020, quindi, potranno essere inviate le richieste all’Inps per ottenere le ulteriori 5 settimane in deroga di recente approvate.

Dalle tempistiche maggiori per i dati di Maggio 2020 alla conferma dell’assegno per il nucleo familiare, altre importanti novità chiarite dall’Inps

Sempre con riferimento alle ultime comunicazioni dell’Inps, si specifica che per le domande già presentate per l’applicazione della cassa integrazione nel periodo compreso tra i 23 febbraio e il 30 aprile, il termine massimo di comunicazione dei dati era all’8 giugno 2020 tramite l’invio del modello SR41.

Per il mese di Maggio 2020, invece, saranno applicate delle tempistiche maggiori. Le stesse, saranno opportunamente comunicate alle imprese in future comunicazioni per muoversi per tempo nell’attuazione di questa importante misura per i suoi dipendenti.

Confermata anche la concessione di un assegno per il nucleo familiare. Quest’ultimo, a favore dei beneficiari dell’assegno ordinario e che a seguito dell’emergenza Covid-19 hanno visto ridursi o sospendere la propria attività lavorativa.

Ti è piaciuta questa risorsa? Premiaci!
[Totale: 1 Media: 4]

About Iolanda P.

Leggi Anche

adempimenti

Adempimenti fiscali di Agosto 2020, ecco quelli più importanti da eseguire

Dopo la decisione di non procedere con ulteriori proroghe per i versamenti delle tassazioni da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *