Aprire Attività in Repubblica Ceca

In questo articolo vi spiegheremo tutto quello che c’è da sapere per chi volesse investire nella Repubblica Ceca: dai documenti per circolare, alla moneta in uso, dall’iter per aprire un’attività a quelle che sono le regole del regime fiscale in atto. Come sempre cercheremo di spronare le migliori risposte

aprire attività in repubblica ceca

Alcuni dati

Vedremo prima di tutto quelli che sono i dati demografici, geografici, gli aspetti amministrativi e politici, gli aspetti monetari che caratterizzano questo paese e soprattutto le scelte per chi voglia investire nella Repubblica Ceca

Amministrazione

Nata dalla divisione con la Repubblica Slovacchia, con la quale formava appunto la Cecoslovacchia, la Repubblica Ceca è una repubblica parlamentare dal 1994 ed è entrata a fare parte dell’Onu dal 1993 ed entrata nella Comunità europea dal 2004.

E’ suddivisa in 14 regioni, in quanto Praga, che si trova al centro della Regione Boemia, costituisce una regione dotata di autonomia (77 province)

Popolazione e lingua

La popolazione ceca conta circa dieci milioni e sono concentrati quasi tutti nelle grandi città, mentre all’interno si trovano zone densamente poco popolate e sostanzialmente rurali. Sussiste una distruzione abbastanza equa tra genere, cioè tra uomini e donne, mentre l’età media è di 42 anni. Ritroviamo anche un tasso di natalità, rispetto alla popolazione media del 10,8%

Tabella 1 – Popolazione nella Repubblica Ceca

RegionePopolazione
Moravia-Slesia

1.200.000 abitanti

Praga

1.200.000 abitanti

Moravia Meridionale

1.200.000 abitanti

Ústí nad Labem

800.000 abitanti

Boemia Meridionale

600.000 abitanti

Olomouc

600.000 abitanti

Fonte AdminStat (arrotondati per difetto)

La lingua è il ceco (quello comune) e conta un alfabeto (latino) particolare che è caratterizzato da 42 caratteri. Molto diffuso è anche la lingua tedesca, per le contaminazioni che storicamente ha avuto la Repubblica Ceca.

Moneta

La Corona Ceca è la moneta legale circolante del paese. Infatti pur facendo parte della Comunità Europea, non è stato adottato l’euro ed il valore di tale moneta, in questo momento, è di circa 0,04 centesimi. Nella pagina ufficiale della Banca D’Italia troverete tutti i tassi di cambio (convertitore). Per ottenere 1 corona Ceca ci vogliono 100 haller.

Puoi cambiare la tua moneta con quella legale ceca o attraverso gli uffici di cambio, in banca, (magari nella tua e che abbia una partnership con la tua) dove la commissione e in genere del 2%, ma noi consigliamo di recarti direttamente presso un bancomat: è il modo più semplice e diretto, senza la necessità di portarsi banconote addosso.

Negli ultimi periodi alcune attività accettano euro, dandovi come resto Corona ceca.

Geografia e posizionamento: la zona Moldauhafen

La Repubblica Ceca è in una posizione strategica e centrale dell’Europa ed esiste una particolarità che chi vuole investire nella Repubblica Ceca, deve necessariamente sapere.

In territorio tedesco e precisamente nel porto di Amburgo esiste una zona, denominata Moldauhafen che gode di extraterritorialità e come stabilito dal trattato di Versailles, può essere utilizzato dalla Repubblica Ceca sino al 2028

Documenti

Abbiamo già detto che la Repubblica Ceca ha aderito alla Comunità Europea ed ha aderito anche al Trattato di Schengen e quindi per circolare è necessaria la Carta di identità o il passaporto, logicamente entrambi validi per l’espatrio.

Come in tutti gli stati in area Schengen la durata del soggiorno è di 3 mesi (90 giorni)
Per maggiori informazioni si consiglia di contattare uffici consolari:

L’Ambasciata si trova in via dei Gracchi 322, 00192 Roma
tel. +39 063609571 fax +39 063244466
e-mail
rome@embassy.mzv.cz
web
www.mzv.cz/rome

Se decidete di risiedere sul territorio per investire nella Repubblica Ceca, più di dodici mesi è conveniente inscriversi Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E.) e questo vi consentirà anche di usufruire di determinati diritti (voto, rilascio e rinnovo documenti). Vi alleghiamo documento per iscriversi (Docuemnto)

I cittadini italiani in possesso della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (T.E.A.M.) – il tesserino che riporta il codice fiscale – possono ricevere assistenza medica dalle strutture pubbliche della Repubblica Ceca: la convenzione però non garantisce copertura per le spese mediche in cliniche private o per eventuali costi legati a ticket o addebitabili esclusivamente all’assistito.

I costi per chi vuole investire nella Repubblica Ceca

Investire in una qualsiasi attività e quindi pensare di produrre bene e servizi, comporta dei costi, ma un buon imprenditore deve tener presente determinati costi, che sono alla base dei modi di vivere.

Costo della vita

Come in tutte le capitali Europee se scegliete di investire a Praga, avrete a che fare con costi (fitto o acquisti immobili, compravendita di merci, offerta di servizi) decisamente più alti rispetto ad altre parti del Paese.

Tabella 2 – Costo della vita media in Repubblica Ceca

Prodotto/servizio

Prezzo

Cena per due persone

20,00 euro

Pane

1,40 al kilo

Caffè

1,70 euro

Benzina

4,70 euro

Uova (12)

1,60 euro

Latte

2,60euro

Biglietto trasporto

0,90euro

Carne (1Kg)

3,80euro

Attenzione a cosmetici e dispositivi elettronici, che considerati bene di lusso, hanno prezzi maggiori rispetto a tanti paesi europei.

Secondo il modello statistico elaborato da Numbeo (il più grande data base al mondo di dati) la distribuzione delle spese in Repubblica Ceca è il seguente: il 30% per la spesa per vitto, circa il 30% per affitto eventuale di un appartamento a cui va aggiunto il 10% in bollette per gas, acqua ed energia, il 12% in trasporto e mezzi pubblici, ed il resto distribuiti tra svago e vestiti.

Costo del lavoro

Anche questo logicamente è un costo da tener ben presente a chi volesse investire nella Repubblica Ceca. Diciamo subito che il costo del lavoro medio è di 12,6 euro (Lo scorso anno il costo del lavoro orario medio era pari a 27,4 euro nell’Unione Europea e a 30,6 euro nella zona euro) ed uno stipendio medio mensile è di circa 900,00 euro.

Praticamente vi sono i salari più alti dell’Europa centro orientale ed a volte anche più competitivi di quelli italiani, con però molte disparità di genere, ma non di territorio, che negli ultimi anni si è assottigliata.

Settori in cui investire

Come facciamo sempre, andiamo a vedere quali sono i settori più sviluppati per chi volesse investire nella Repubblica Ceca. Per i nostri dati e le nostre fonti facciamo riferimento ai dati e alle pubblicazioni dell’Istituto Ceco di Statistica

Dati in generale

A prescindere dal settore nel quale decidiate di investire nella Repubblica Ceca è importante estrapolare ed analizzare i dati dell’elaborato della Banca Mondiale “Doing Business 2019″

Il paese, nel globale, è al 115esimo posto, su 190, per facilità di avvio di nuove imprese. Il processo richiede 9 giorni di media e un costo che rappresenta circa l’1 per cento delle entrate (rispetto al valore medio di 3,1%). Ci si impiega circa 25 giorni per aprire un’attività. Primo posto in questo particolare ranking per la preparazione di documenti per esportare ed importare merci

Questi sarebbero degli aspetti positivi. Per quanto riguarda le situazioni negative si segnalano, le condizioni particolarmente impegnative per la partecipazione a gare pubbliche, specialmente per le imprese straniere. Difficile e spesso non del tutto dirette, le procedure di assegnamento degli appalti.

Il settore agricolo

Il valore della produzione agricola è aumentata nel paese del 5% circa, su base annua, per un totale, considerando piante e bestiame per un valore di oltre 5 miliardi di euro.

La superficie biologica, ha raggiunto dati a doppia cifra con oltre il 15% del totale del territorio. Questa sarà una nuova frontiera (per approfondire vi consigliamo quest’articolo) e questo settore può far fronte alla sfida posta dal clima e dall’ambiente.

ATTENZIONE: la fiera internazionale della tecnologia agricola Techagro, Silva Regina e Biomass è stata posticipata nella data dall’11 aprile al 15 aprile 2021 e comunque vi rimandiamo all’applicazione on line della fiera (modulo)

Il settore industriale ed automobilistico

Oltre il 40% della popolazione attiva della Repubblica Ceca è impegnato nella produzione industriale, il tutto dovuto ad un netta crescita di immobili industriali, progetti infrastrutturali e costruzioni private.

In questa nazione, oltre a segnalare le zone dove si estraggono carbone e petrolio, bisogna sottolineare che il paese ha delle eccellenze nella produzioni di scarpe, di birra, di strumenti musicali e di porcellane (boeme).

Ricordiamo, qualora ce ne fosse bisogno, che la Repubblica Ceca è il paese della Skoda

Il settore dei servizi: il boom del turismo

Dalla caduta del muro di Berlino, la Repubblica Ceca ha avuto numeri sempre crescenti nel settore dei servizi ed in particolare nel turismo, la cui fonte fondamentale di informazione è l’Agenzia per il Turismo della Repubblica Ceca

il settore ha avuto un’espansione talmente evidente che negli ultimi anni si parla di overturism e si sta pensando a tutti i rimedi per la congestione da persone.

I fondi

Altro passaggio importante per investire un’attività nella Repubblica Ceca è intercettare i Fondi. Ad esempio lo sviluppo agricolo, gestito da un programma nazionale, è finanziato dal FEASR (Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale ). Intercettare questi fondi non è impossibile o difficile, importante avere un buon progetto: da un’azienda agricola su larga scala, ad un birrificio creato in un’ ex fabbrica di ceramica. In questo documento troverete tutti i progetti finanziati sino ad oggi (Pagina web)

Consigliamo inoltre di dare un’occhiata al Data base dei GAL che hanno l’obiettivo di sviluppare un’area e lo sviluppo locale

Come aprire un’attività nella Repubblica Ceca

Vediamo ora quali sono tutti gli iter e le procedure amministrative per aprire un’attività nella Repubblica Ceca. Vediamo nel dettaglio.

Ditta individuale

Per poter registrare una ditta individuale non è fondamentale avere la residenza sul territorio ceco, importante è essere cittadino comunitario, pagando i diritti di segreteria e l’imposta di bollo. Bisogna fornire la descrizione dell’attività in modo chiaro e sintetico e il nome dell’insegna.

Società

Per coloro che vogliono investire nella Repubblica Ceca e vogliono formare una società, c’è la possibilità di formarne quattro:

SRO (società a Responsabilità limitata): costituire questo tipo di società è sicuramente diverso dalle procedure in Italia, come abbiamo ampiamente spiegato in questo articolo, ma ha regole diverse.

Prima di tutto bisogna versare un capitale sociale iniziale di 7.000 euro di cui almeno il 50% versato all’inizio. Si potrà essere anche unico azionista, ma non bisogna partecipare in più di tre società e gli altri soci eventuali sono tenuti a partecipare con almeno un capitale di 700 euro pro-capite. Ricordiamo che dagli utili va accantonato anche un fondo di riserva (10%)

AS (Società per azioni): Per questo tipo di società bisogna distinguere la quota massima di capitale sociale da versare a seconda se avvenga o no da una raccolta di offerta pubblica. Nel primo caso occorrono 50.000 euro di capitale sociale, nel caso di raccolta pubblica occorrono 700.000 euro.

Deve essere versato almeno il 30% del capitale ed anche in questo caso deve essere accantonato un fondo di riserva sugli utili (20%). la revisione contabile è obbligatorio se si superano i 50 dipendenti, se il bilancio supera il milione e quattrocento mila euro o se il fatturato è il doppio

Partnership: (equivalente alla società in nome collettivo) per quanto riguarda questo tipo di società possiamo individuarne di due tipi, Generale, quando tutti i soci hanno responsabilità illimitata ed uguale o Limitata, quando almeno un partner ha responsabilità limitata (alla partecipazione al capitale)

Cooperative: possono essere costituite da almeno 5 persone e deve essere versato un capitale di almeno 2.000 euro circa, di cui il 50% prima della richiesta al Registro delle imprese

Filiale Una filiale di una casa madre, non necessita di una persona che necessariamente abbia la residenza, neanche per tempi prolungati. Non è un ente giuridico ceco, ma straniero. Ha la necessità di una licenza commerciale per essere registrata e le scritture contabili devono essere nella lingua madre.

La figura giuridica determinata alla costituzione della società potrà essere successivamente modificata in un’altra. Ovviamente, il cambiamento comporta determinati costi e complicazioni burocratiche.

Indirizzi e numeri utili

Per approfondimenti e chiarimenti vi rimandiamo a tutti i siti istituzionali

Camera di Commercio e dell’Industria Italo-Ceca: www.camic.cz
Ministero dell’Industria e del Commercio della Repubblica Ceca
www.mpo.cz
Ministero delle Finanze
www.mfcr.cz
Ministero dello Sviluppo Economico
www.mmr.cz
Amministrazione fiscale nella Repubblica Ceca
www.financnisprava.cz
Agenzia Nazionale per la promozione del Commercio
www.czechtrade-italia
Camera notarile della Repubblica Ceca
www.nkcr.cz
Servizi commerciali nella Repubblica Ceca
www.businessinfo.cz
Czech Point ‘ contatti con amministrazione pubblica
www.czechpoint.cz

Il regime tributario per chi vuole aprire un’attività nella Repubblica Ceca

Esponiamo ora un punto molto importante per chi volesse aprire un’attività nella Repubblica Ceca: parliamo del regime fiscale e tributario.

Confermiamo, prima di tutto, un concetto base che le tasse si pagano nel paese dove si risiede (da almeno 183 giorni) e per evitare la doppia imposizione l’Italia ha firmato una Convenzione con la Repubblica Ceca

L’Iva

L’imposta sul valore aggiunto ha un’aliquota ordinaria del 21% e riguarda alcuni beni e servizi e due aliquote ridotte del 15% e del 10%

ATTENZIONE: Dal 1° gennaio 2020 e per i prossimi due (dando il tempo al legislatore ceco di adeguarsi) la Comunità Europea ha autorizzato l’applicazione del Reverse Charge per tutte le transazioni superiori ai 17.500 euro

L’imposta sul reddito delle persone fisiche

Anche nella Repubblica Ceca, l’imposta sul reddito delle persone fisiche è una tassa progressiva e personale e le aliquote, appunto crescenti, vanno dal 15% al 32& a seconda dei redditi prodotti

Tabella 3Aliquote applicate nella Repubblica Ceca

Aliquota

Range imponibile

15 %

Da 0 a 10.086 euro

15% sino a 10.086 euro

20% sino a 20.173 euro

Da 0 a 20173 euro

15 % sino a 10.086 euro

20% sino a 20.173 euro

25% sino a 30592 euro

Da 0 a 30.592euro

15 % sino a 10.086 euro

20% sino a 20.173 euro

25% sino a 30.592 euro

32% oltre i 30.592 euro

Da 0 a 30,5923 euro

La base imponibile (rappresentata da redditi da lavoro autonomo e dipendente) è soggetta ad aumento per la quota di previdenza sociale e dell’assicurazione sanitaria (pagate dal datore di lavoro)

Imposta sulle persone giuridiche

Per quanto riguarda le persone giuridiche che in modo sommario abbiamo spiegato, l’aliquota è al 19%., ma esiste anche un’aliquota ridotta del 5% per i redditi provenienti da fondi di investimento (esclusi i fondi pensione)

Particolare forma di deduzione sono applicate per le spese di formazione del personale e per i costi di ricerca e sviluppo

Anche i dividendi sono soggetti ad un’aliquota del 15%, ma sono esenti nel caso in cui una società possegga per almeno 12 mesi un decimo di un’altra società residente sia in Repubblica Ceca che di società che abbiano firmato appropriate Convenzioni per la doppia imposizione

Nel caso i soggetti che ricevono i dividenti risiedono in paesi con fiscalità agevolata l’aliquota sale al 35%

ATTENZIONE: la tassazione delle plusvalenze, considerati anche esse redditi ordinari è del 15%

Conclusioni

In definitiva per chi volesse investire nella Repubblica Ceca deve tenere presente alcuni fattori sia positivi che negativi. Per i primi possiamo dire:

– posizione centrale in Europa e raggiungibile in poche ore

– un discreto regime fiscale

diversi settori nei quali investire: agricolo, industriale e prima di tutto turistico, facendo leva anche sui fondi europei messi a disposizione

facilità e tempi ristretti per apertura attività

– Paese ricco di storia e cultura (migliaia di musei sparsi sul territorio)

I fattori negativi possono essere il fatto che il ceco è una lingua molto difficile, c’è ancora un livello elevato di corruzione, un elevato senso di razzismo ed a volte il clima freddo e piovoso.

Per chi volesse ascoltare, legge e perché no parlare con chi ha esperienze sul territorio potete contattare questo gruppo Facebook denominato Italiani in Repubblica Ceca

Ti è piaciuta questa risorsa? Premiaci!
[Totale: 1 Media: 5]

About Cristian Liberti

Leggi Anche

come aprire call center

Come Aprire un Call Center: strumenti necessari, fatturati medi, costi di avvio

Come aprire un Call center? Diciamoci la verità. Quante volte veniamo disturbati da Call Center …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *