Come Trovare Influencer per Collaborazioni e Marketing: 32 Strumenti e Strategie

Come trovare Influencer per promuovere la propria attività? Chi sono i migliori Influencer? Quali sono i migliori strumenti e le migliori strategie per trovare Influencer? Quanto costa un Influencer?

In questo articolo risponderemo a queste ed altre domande relative agli Influencer e come poter utilizzare le loro potenzialità per poter promuovere la propria attività commerciale.

Gli Influencer hanno assunto una certa importanza da quando è esplosa la moda di Instagram. App molto popolare per pubblicare foto e video, nata nel 2010 e rilevata da Facebook nel 2012 per un miliardo di dollari.

come trovare influencer

Anno dal quale è esplosa grazie a sempre nuove accattivanti novità. Tanto che ad oggi conta oltre un miliardo di utenti attivi. Un numero in continua crescita.

Non solo Instagram però. Un Influencer può utilizzare un altro portale molto potente: Youtube. E qui assume il nome di Youtuber. Di Youtuber molto popolari al Mondo ce ne sono tanti, di tutte le età e per più argomenti. Con i più seguiti che arrivano a guadagnare anche svariati milioni di euro l’anno, tra ads sui video e contratti commerciali con le aziende.

Dunque, vediamo come contattare gli Influencer, quanto costano, quali sono i migliori strumenti per farlo.

Influencer chi sono

Chi sono gli Influencer? Si tratta di persone che hanno costruito una reputazione per le loro conoscenze e competenze su un argomento specifico.

Pubblicano regolarmente post su questo argomento sui loro canali social preferiti e vantano un gran numero di followers che prestano molta attenzione alle loro opinioni.

Per la loro attività, utilizzano un Blog, un canale Youtube, il profilo Instagram, una pagina Facebook, il canale di Twitter, ecc.

Si occupano di videogame, ricette, economia, politica, viaggi, hobby, sport, content creations. Offrono anche consulenze personalizzate via chat.

Gli Influencer possono avere le età più disparate. Si va dai bambini che mostrano giochi da fare ad un pubblico infantile. Agli adolescenti che giocano a e recensiscono videogame. Ai ventenni che si dedicano ai viaggi, mostrando i più disparati luoghi del Mondo, dando suggerimenti sui posti da vedere o dove mangiare.

Ed ancora, over 30 che si dedicano a dire la loro – spesso ponendosi come controinformazione – su argomenti quali politica, economia, casi di cronaca, Ufo, misteri.

Riguardo le tipicità di genere, le donne sono quelle che si dedicano principalmente a ricette, moda e cosmesi. Presentando prodotti, dando suggerimenti su come vestirsi o truccarsi, e così via.

Spesso gli Influecer sono anche delle celebrità della musica, della Tv o del cinema. Ma molti sono partiti da zero, magari iniziando a caricare video o scrivere post come semplice hobby o passione. O come modo per ammazzare il tempo libero.

Poi si sono resi conto che la cosa funzionava, il loro pubblico aumentava e così hanno proseguito. Migliorando anche l’editing dei loro contenuti. Dotandosi di una sigla e di un sottofondo, di didascalie, di un microfono, una videocamera migliore. Magari facendosi aiutare da grafici o videomaker professionisti.

Influencer tipi

Quali sono i tipi di Influencer? Ci sono tre parametri da valutare:

  • numero dei followers
  • tipi di argomenti trattati
  • livello di influenza
  • target di pubblico al quale si rivolgono

Non è detto che chi abbia un numero elevato di followers e si dedichi a più argomenti, sia più influente di chi ne ha molti meno e si occupa di un argomento di nicchia.

Il potere di un Influencer non si basa su meri calcoli matematici. Si parla di micro o nano influencer quando si occupano di una nicchia specifica di prodotti. E potrebbero essere adatti a quello che cerchiamo rispetto ai “tuttologi” o a Star di livello internazionale.

Se vendo un attrezzo per pochi appassionati o mi rivolgo a potenziali clienti della mia città o regione, devo ovviamente puntare a un tipo di Influencer con meno followers ma più interessato a cosa propongo.

Nel prossimo paragrafo, vediamo infatti quale tipo di Influencer fa più a caso nostro.

Quale tipo di Influencer scegliere?

Per rispondere a questa domanda, dobbiamo anche dividere gli Influencer in 4 categorie, in base al numero di followers e contenuti che propongono.

Mega Influencers

Come intuibile, i mega influencer sono coloro che vantano un vasto numero di follower sui loro social network.

Solitamente, la soglia che fa parlare di mega-influencer è data dal superamento di 1 milione di followers iscritti al proprio canale.

Molti mega-influenzatori sono in realtà celebrità che hanno guadagnato la loro fama tramite canali tradizionali: attori, presentatori televisivi, sportivi, cantanti, musicisti, ecc.

Tuttavia, solo le grandi aziende dovrebbero rivolgersi a mega-influencer per la loro attività di marketing. Infatti, i loro servizi risultano essere gioco forza molto costosi, arrivando a costa pure $ 1 milione per post. E, molto probabilmente saranno estremamente selettivi per scegliere con chi collaborare.

Praticamente in tutti i casi, i mega-influenzatori avranno agenti che lavorano per loro conto per concludere accordi di marketing.

Macro Influencers

Rientrano in questa categoria gli Influencer che vantano tra i 40mila e 1 milione di followers.

Questo gruppo tende a essere composto da due tipi di persone:

  1. celebrità considerate di secondo livello (per esempio, attori di soap opera, presentatori su reti televisive minori, atleti di sport meno popolari, ecc.)
  2. esperti online di successo. I quali sono sì partiti da zero, ma grazie alle loro conoscenze su un tema, abbinate alla loro capacità comunicativa (già, perché occorre anche essere bravi oratori e utilizzare video graficamente accattivanti), hanno scalato la vetta con la propria dedizione e costanza.

Questa categoria di Influencer è un ottimo compromesso per chi cerca persone influenti sui Social che però non chiedono cifre inaccessibili. È anche più probabile che siano abituati a lavorare con i marchi rispetto ai micro influencer che vedremo di seguito.

Quindi, questa categoria è adatta per chi punta ad una clientela di livello nazionale, variegata e ha una discreta somma da investire.

C’è però un aspetto da tener presente. Purtroppo, nella vasta platea di macro-influencer, molti hanno commesso delle frodi per scalare la vetta. Ossia, hanno “comprato” un grande quantitativo di followers che li segue da società informatiche brave a rubare l’identità degli utenti e venderli sul mercato. Che vendono cioè “pacchetti di followers”.

Una pratica molto diffusa su Facebook e Youtube, alla quale soprattutto quest’ultima, storica piattaforma per caricare video, sta cercando da tempo di porre rimedio.

State quindi attenti a chi si spaccia per Macro influencers ma poi una fetta dei suoi tanti followers vantati sono finti, quindi inattivi e fantasmi.

Micro Influencers

Questa categoria di Influencer è composta totalmente da persone partite da zero. Ma che, post dopo post su specifici argomenti, sono diventati molto popolari.

Ovviamente, non è solo il numero totale di followers che indica quanto lo siano. Ma pure il tipo di relazione e l’interazione che essi intraprendono con chi li segue.

Per essere considerati dei micro influencer, occorre avere un numero di followers che va dai mille ai 4mila followers su ciascun Social network presso cui sono attivi.

Non è detto che un micro influencer voglia fare pubblicità in modo professionale, per un marchio famoso. Infatti, questa particolare categoria di influencer, ha accumulato followers specifici, tessendo con essi un rapporto confidenziale e di fiducia.

E magari non vorranno vendere la loro anima per il commercio. Infatti, molti pubblicano video e post per il solo gusto di farlo. Sebbene, ovviamente, dinanzi ad una lauta proposta, difficilmente diranno di no.

Alcuni micro influencer sono anche disposti a fare promozioni in modo gratuito. Altri si aspettano di essere pagati. In entrambi i casi, difficilmente saranno disposti a snaturare il proprio modus operandi. Quindi, a tradire il proprio pubblico.

Tuttavia, si considera i micro influencer quelli del futuro. Ciò in quanto hanno una grande capacità persuasiva verso il loro pubblico di medio-basse dimensioni.

Solitamente, fanno molta presa sulla cosiddetta Generazione Z, che segue poco la Tv o il Cinema tradizionale. E passa molto tempo su internet. Tanto da ritenere più famoso e credibile un influencer partito da zero che un presentatore famoso o una star di Hollywood.

Del resto, il web ha portato alla frammentazione dei media in molti piccoli argomenti di nicchia. Una controtendenza rispetto ai media generalisti tradizionali, come Tv o radio.

Non costano tanto, ma sono anche difficili da convincere. Sono adatti per promuovere prodotti come videogame, prodotti informatici, cibi, bevande. Destinati principalmente ad under 18.

Nano Influencers

Questa categoria non ha più di mille followers. Parlano di un argomento estremamente di nicchia, ma rivolto comunque a persone fortemente interessato ad esso. Vengono infatti paragonati metaforicamente ad un grande pesce che nuota in un piccolo stagno.

Questo tipo di Influencer è adatto per le aziende che producono prodotti estremamente specifici per hobby artigianali, sport poco popolari, attrezzi per attività poco diffuse. O destinati ad una specifica zona geograficamente limitata.

Il loro costo è molto ridotto, ma va da sé che avendo essi un pubblico altrettanto ridotto, dovrai servirti di più nano influencer per i tuoi prodotti. Anche decine, se non centinaia. Perché, come si suol dire, è la somma che fa il totale.

Come trovare Influencer migliori: ecco 17 strumenti facili da usare

Se preferisci trovare l’Influencer migliore da solo, senza ricorrere ad agenzie, allora dovrai costruire da solo i rapporti con essi. Partendo dalla ricerca, passando per la contrattazione economica, fino al chiarimento su come vorresti fosse fatto il lavoro.

Per fortuna, esistono vari strumenti di marketing per influencer che possono aiutarti nella ricerca. Sia completamente gratuiti, sia fremium. Ovvero, che di base offrono delle funzionalità gratuite, per poi richiedere un canone se si vuole utilizzare altre aggiuntive a pagamento.

Naturalmente, prima di passare alla ricerca, devi avere anche bene in mente a quale target si riferisce il tuo prodotto o servizio.

Abbiamo visto infatti e vedremo anche più in avanti, che ci sono vari tipi di Influencer. Quindi devi capire se il tuo prodotto può interessare un po’ tutti, indistintamente da genere o età. Oppure se sono diretti ad una determinata fascia d’età o solo a uomini o donne. O ancora, ad un pubblico di nicchia o più vasto, ecc.

ProInfluencer.it

ProInfluencer.it attualmente è l’unica piattaforma tutta italiana che ti permette di attivare campagne di Influencer Marketing in 48h.

I vantaggi di ProInfluencer.it:

  1. Solo Influencers italiani: ProInfluencer.it collabora con migliaia di influencers che si rivolgono ad un pubblico rigorosamente italiano. Quindi se la tua campagna è rivolta al pubblico italiano, ProInfluencer.it ti permetterà di raggiungere milioni di potenziali clienti in pochissimo tempo;
  2. Pubblico assolutamente verificato: uno dei vantaggi di ProInfluencer.it sta nella meticolosa verifica dei followers e dell’engagement degli influencers che collaborano con ProInfluencer.it. Molti pseudo-influencers, infatti, hanno grossi numeri (followers, like, etc) ma assolutamente indotti  (si pensi a chi compra followers e like, a chi adotta strategie di follow/unfollow e simili). Una verifica di questo tipo ti permette di essere sicuro che realmente raggiungi quella porzione di pubblico per cui paghi;
  3. Non dovrai cercare e trovare gli influencers: Proinfluecers ha più di 1000 influencers nel proprio database che sono stati già selezionati e profilati in base al pubblico di riferimento (età, città, interessi, etc);
  4. Strategia e Creatività incluse per non sbagliare: uno dei vantaggi più importanti di una campagna ProInfluencer.it è lo studio della strategia da parte di un team qualificato.  Un team di copywriters studierà il messaggio che la tua campagna dovrà avere, un team di grafici si occuperà di creare i post, degli attori gireranno i video da mettere nelle storie, etc. Molte aziende perdono soldi e non ottengono risultati dalle proprie campagne di Influencer Marketing perché il messaggio o la strategia di comunicazione che utilizzano sono sbagliate… in questo caso sei fuori pericolo.. la tua campagna di influencer marketing verrà studiata dall’inizio alla fine da un team di esperti;
  5. Raggiungi Milioni di persone (e potenziali clienti) in 48h:  un altro degli aspetti più importanti di una campagna di influencer marketing con ProInfluencer.it è che l’attivazione è quasi immediata e in poche ore avrai pronta la tua comunicazione (Post, Storie, Video, Articoli di Giornale, etc) e sarai visibili a milioni di persone.

Come avviare una campagna con ProInfluencer.it

Per avviare una campagna su ProInfluencer.it, scoprire le strategie e i prezzi basta:

  1. andare sul sito ProInfluencer.it
  2. cliccare sulla voce “Sei un’azienda?” o “Scopri i nostri pacchetticome trovare influencer
  3. Compilare il questionario (in cui, per avere una migliore idea sulla strategia da adottare per il tuo caso specifico, ti vengono fatte alcune domande sulla tua attività e sulla promozione da avviare);
  4. aspettare che ti arrivi per email la strategia adatta a te con i relativi prezzi.

 

Upfluence

Questa piattaforma offre molte funzionalità. Molto importante, tra le sue funzioni, è il suo motore di ricerca tutto dedicato agli influencer.

È dotato di un enorme database contenente oltre 3 milioni di profili di influencer. L’IA di Upfluence indicizza e aggiorna questi profili in tempo reale. L’algoritmo analizza ogni contenuto per raggiungere e coinvolgere.

influencer come trovare

I clienti possono effettuare ricerche su Upfluence per trovare influencer utilizzando tutte le parole chiave necessarie. Eseguendo il drill down con le keywords adatte, inizi a restringere un po’ la ricerca.

Puoi assegnare un peso relativo a ciascuna parola chiave, rendendone alcune più importanti di altre. Puoi anche restringere ulteriormente la tua ricerca su Instagram, utilizzando criteri come posizione, piattaforma social o numero di follower.

Le statistiche risultanti vengono visualizzate quasi in tempo reale. Il lato sinistro dello schermo è il punto in cui si digitano i termini di ricerca, mentre il lato destro visualizza il numero di risultati in base alla ricerca e li classifica in gruppi in base alle dimensioni dei follower.

Contattare gli Influencer è anche molto semplice. Una volta selezionato quello che più ci convince, possiamo contattarlo con un Form molto semplice.

Upinfluence offre anche un plug-in per il browser più utilizzato al Mondo: Chrome. È uno strumento “fai da te” per il marketing degli influencer.

Puoi usarlo per analizzare il profilo di un influencer direttamente dal tuo browser ed è compatibile con i profili su tutti i principali Social: Instagram, Facebook, YouTube, Pinterest e Blog.

influencer migliori

Il plug-in offre analisi istantanee e all’avanguardia per qualsiasi influencer, su tutti i loro account di social media.

HypeAuditor

HypeAuditor è molto interessante in quanto consente di visualizzare una classifica dei migliori Influencer presenti su Instagram, in base al numero di followers coinvolti.

L’intelligenza artificiale di HypeAuditor analizza a fondo e classifica i blogger in base a followers di qualità e coinvolgimento autentico. Ovvero, non basta solo il numero, ma che essi interagiscano realmente con l’utente.

Gli scrivano in Direct, commentino i suoi post, visualizzano le sue Storie, mettano Like ai suoi contenuti. Non siano, in poche parole, una collezione di francobolli da sbandierare.

In che modo? Raccoglie dati grezzi da diverse fonti, li spersonalizza e li raggruppa. Questo tool prende in considerazione solo veri follower e Like.

L’algoritmo classifica quindi gli influencer e forma le liste dei migliori influencer globali, aggiornate quotidianamente.

Puoi selezionare un elenco dei primi 1000 influecer, coprendo tutte le nicchie o in alternativa suddividere l’elenco in una delle 14 categorie.

Inoltre, è possibile selezionare elenchi di influencer che coprono tutti i paesi o selezionare un elenco che comprenda solo influencer di uno dei 17 paesi selezionati.

HypeAuditor fornisce le seguenti informazioni su ciascun influencer in ciascun elenco:

  • La loro classifica attuale (e la modifica rispetto allo scorso mese solo per alcune liste)
  • Il nome utente di Instagram dell’influencer
  • Argomenti principali pubblicati dall’influencer
  • Il loro paese di pubblico
  • I loro seguaci
  • Una stima del loro autentico impegno

Supponiamo che cerchiamo Influencer su Instagram del settore della ristorazione e circoscrivendo la ricerca all’Italia. Ecco i primi 5 che ci appaiono:

hypeauditor influencer

Se fai clic su un influencer, verrai indirizzato a una pagina che fornisce ulteriori informazioni e statistiche relative alle prestazioni di Instagram, al punteggio di qualità del pubblico, ai dati demografici dei loro follower e al coinvolgimento.

Post for Rent

Post for Rent pure si presenta come uno strumento per la ricerca di influencer completo.

influencer costi

La società mantiene efficacemente un equilibrio tra la fredda efficienza del business e le autentiche campagne di influencer.

Esiste un sistema per marchi e influencer che si lasciano reciprocamente recensioni e fungono da riferimenti. I marchi che cercano influencer possono vedere queste stelle nei loro risultati di ricerca e possono fare clic sui loro profili per guardare le recensioni lasciate da altri marchi.

Allo stesso modo, gli influencer vedono le valutazioni per i marchi, che possono influire sulla volontà di lavorare con l’azienda. I marchi iniziano creando il loro brief, in cui è possibile specificare il tipo di campagna desiderata.

Tuttavia, gli aspetti più impegnativi – trovare e gestire gli influencer e il loro contenuto, analizzare i profili e i dati, ricercare il pubblico – vengono realizzati senza sforzo attraverso un’interfaccia chiara e diretta.

I marchi non devono nemmeno cercare influencer prima di creare una campagna. Se i marchi pubblicano una campagna pubblica, Post for Rent avvisa tutti gli influencer che soddisfano i criteri della campagna tramite un’app mobile.

Coloro che mostrano interesse possono fare domanda direttamente. Se decidi di cercare influencer, Post for Rent ti mostra le miniature di influencer adatti, con le loro valutazioni, un punteggio di credibilità e statistiche di base.

È quindi possibile fare clic sui profili che ti interessano e vengono aggiunti a un elenco sul lato destro dello schermo.

Puoi continuare a perfezionare la tua ricerca – in base all’influencer e all’attributo audience – e l’elenco non scompare mai.

Post for Rent ti consente di cercare influencer in base agli hashtag che hanno usato nei contenuti precedenti.

Questo aiuta a fornire un targeting migliore. Offre anche la possibilità di analizzare qualsiasi account di social media. Inizialmente è possibile utilizzarlo gratis.

Discover.ly

Discover.ly è un plug-in di Chrome utile per visualizzare i tuoi destinatari e-mail, i propri contatti LinkedIn e Facebook e gli aggiornamenti in una barra laterale.

Ciò significa, ad esempio, che puoi vedere amici di Facebook comuni con qualcuno con cui ti colleghi su LinkedIn. Ma puoi anche vedere gli account dei social media delle tue connessioni su una vasta gamma di altri canali e piattaforme di social media. Tra le quali Google, Klout, Angel base, FourSquare e Behance.

Discover.ly è molto utile per vedere se qualcuno dei tuoi contatti esistenti ha connessioni con influencer appartenenti alla tua cerchia. Se trovi connessioni, puoi sfruttare i tuoi contatti per farti conoscere dagli influencer.

L’estensione apparirà in alto a destra del vostro account e lì deciderete con quale Social connettervi. Il simbolo è quello di un omino di colore nero con una lente d’ingrandimento all’interno.

Tweetdeck

Tweetdeck è il pannello di social media gratuito di Twitter per aiutarti a gestire tutti i tuoi tweet.

Puoi impostarlo per visualizzare qualsiasi elemento della tua cronologia di Twitter: menzioni, messaggi diretti, elenchi, tendenze, preferiti, risultati di ricerca o hashtag.

influencer twitter

Puoi controllare fino a 200 account Twitter tramite la dashboard di Tweetdeck.

Tweetdeck ha funzionalità di ricerca molto potenti. Puoi utilizzare Tweetdeck per tracciare le menzioni della tua competizione. Puoi anche usarlo per trovare l’hashtag particolare usato, che a sua volta può aiutarti a trovare influencer.

Puoi anche cercare per numero di retweet. Le persone i cui tweet vengono ritwittate più volte hanno probabilmente una certa influenza. Tweetdeck può avvisarti ogni volta che uno dei tuoi follower aggiunge una nuova persona al proprio elenco.

Puoi dare un’occhiata da vicino a queste persone per vedere se valga la pena investigare come potenziale influencer. Puoi anche usare Tweetdeck per vedere quante liste sono presenti su determinati account. Questo potrebbe essere un utile indicatore su quanto influenti le altre persone siano.

 Alltop

Se sei alla ricerca di blog influenti, una ricerca su Google può essere una questione di successo. Registra tutti i diversi tipi di siti Web nei suoi risultati e i blog si mescolano con tutto il resto, dalle pagine di vendita ai forum.

influencer alltop

Alltop può aiutarti in questo dato che aggrega semplicemente i post del blog. Inoltre, è curato da persone, non da un algoritmo, che cercano i post di blog più importanti ogni giorno in nicchie particolari.

Puoi usarlo per trovare i post migliori relativi alla tua nicchia, che dovrebbe aiutarti a darti un’idea dei blog più influenti sul tuo argomento.

Podbay.fm

Quando parliamo di influencer marketing raramente pensiamo al podcasting. Ma il podcasting è cresciuto notevolmente negli ultimi anni, e molti influencer ora ospitano il loro normale programma di podcast.

Il modo più semplice per ascoltare podcast su dispositivi iOS è tramite iTunes. Su Android, Stitcher è un’app ben valutata per questo scopo, ma queste app non sono così buone per aiutarti a trovare i podcast più influenti nella tua nicchia.

Podbay.fm è utile perché classifica i podcast in vari generi. Cerca la categoria più adatta alla tua nicchia. Potresti voler trovare un podcast che utilizza un formato di intervista in modo da poter richiedere all’host di aggiungerti all’elenco di interviste del podcast pertinente.

Se non è ovvio dalla descrizione su Podbay.fm se un determinato podcast utilizza un formato di intervista o no, puoi cercare il podcast su iTunes o Stitcher. È quindi possibile verificarne il formato più idoneo ai propri scopi.

Crowdfire

Crowdfire è un programma freemium. Puoi lavorare gratuitamente con due account di social media ma devi pagare per aggiungere altri account.

Puoi usarlo per indirizzare i follower su Twitter e Instagram, anche se le sue capacità di Instagram sono state ridotte dal 2017, due ai cambiamenti nell’API di Instagram.

Crowdfire può aiutarti a trovare gli utenti da seguire su Twitter e Instagram che sono rilevanti per la tua nicchia.

Può anche aiutarti a tenere traccia dell’impatto di determinati tipi di post sul tuo follower e sui tassi non seguiti (almeno su Twitter).

Full Contact

Sebbene questa piattaforma non sia mirata al marketing degli influencer, ha funzionalità che ti aiuteranno a tenere traccia dei tuoi influenzatori.

Tecnicamente è una soluzione di gestione dei contatti. È probabile che tu crei un mix di possibili influencer su blog, podcast, YouTube e social media.

Potresti persino conoscerne alcuni di persona. Full Contact ti aiuta a tenere traccia dei dettagli dei tuoi influenzatori. Full Contact ti consente di collegare tutti i tuoi account portatori di contatti, ad es. Google, Facebook, Twitter, LinkedIn, il tuo telefono e in qualsiasi altro posto mantieni i contatti.

Il servizio crea quindi una rubrica di contatti centralizzata. Ciò unisce i tuoi contatti, rimuovendo eventuali duplicati e inserendo tutte le informazioni aggiuntive che possono trovare sui tuoi contatti da Internet.

Tuttavia, tieni presente che la versione di prova gratuita ti consente di abbinare solo 100 persone e 100 aziende al mese. Il livello più basso dei livelli pagati, Starter, consente a 2.500 persone e 2.500 aziende al mese (per un costo di $ 99 al mese).

In questo video, il portale spiega il proprio concept

Se desideri trovare e registrare dettagli su potenziali influencer nel piano gratuito, dovrai fare attenzione a quali account (ed elenchi di contatti) rimandino al contatto completo, per mantenere il tuo limite.

SEOquake

SEOquake è un componente aggiuntivo del browser gratuito che puoi utilizzare per diversi scopi SEO.

Include la barra SEO che puoi utilizzare ogni volta che vai su un sito Web di un potenziale influencer. SEObar ti fornisce un riepilogo istantaneo della forza di un sito Web.

Questa è una ricchezza di informazioni che può essere di grande utilità, in particolare se stai cercando siti influenti con cui lavorare.

Le statistiche fornite includono il ranking Alexa di un sito, l’indice Google, l’indice Bing, il ranking SEMrush e molte altre analisi pertinenti.

Basta pigiare sul bottone arancione rettangolare sulla Home page del sito.

Una volta installato, possiamo scegliere quale sito vogliamo passare al setaccio per capirne le potenzialità. Ecco un esempio sul Blog Le voci di dentro.

Come si noterà, in alto sono riportate tutte le statistiche. Altre si aprono con un menu a tendina.

Hunter.io

Hunter.io trova indirizzi email per te. Puoi effettuare 100 ricerche al mese con l’account gratuito.

A titolo di esempio, abbiamo cercato Huawei e il sito ha dato più risultati.

Inserisci un nome di dominio nel loro motore di ricerca e Hunter.io farà del suo meglio per trovare gli indirizzi e-mail allegati a quel dominio.

Hunter.io può essere particolarmente utile per trovare gli indirizzi e-mail di persone che potrebbero essere utili per la tua organizzazione.

Ad esempio, potresti voler chiedere di farti ospitare un post su un blog influente della tua nicchia. A volte può essere difficile trovare l’indirizzo e-mail corretto quando è necessario avvicinarsi con la richiesta.

influencer plug in

Puoi inserire il sito Web dell’azienda di una persona in Hunter.io e verrà suggerito un indirizzo email.

Se ritieni di avere un indirizzo e-mail valido da seguire ma non sei sicuro, puoi inserire l’indirizzo in Hunter.io e questo determinerà se l’indirizzo e-mail è valido.

Puoi anche usare Hunter.io come plug-in. In questo caso, quando vai su un determinato sito web puoi fare clic sull’icona Hunter.io nel tuo browser e troverà tutti gli indirizzi e-mail validi allegati a quel dominio.

Personapp

Questa piattaforma ti aiuta a cercare quali tipologie di persone potresti utilizzare come influencer.

Se provieni dal mondo del marketing o delle vendite, ti sarà stato detto di redigere un profilo potenziale dei tuoi clienti ideali. I committenti sono inoltre incoraggiati a redigere i clienti ideali del loro prodotto.

personapp

Lo stesso può essere fatto facilmente attribuibile alla ricerca degli influencer. Se passi il tempo a pensare al profilo del tuo influencer ideale, potrebbe farti risparmiare una notevole quantità di tempo.

Troppe aziende hanno perso tempo ed energie a caccia di influencer che poi si sono rivelate non certo l’ideale per il loro business.

Solo perché qualcuno esercita influenza online non significa che sarà poi anche di reale beneficio per la tua attività.

Affinché il marketing degli influencer abbia successo, devi trovare influencer per la tipologia di persone che compone il tuo pubblico di destinazione.

Personapp ti aiuta dunque a redigere un profilo di come dovrebbe essere il tuo influencer ideale.

Ti guida attraverso il processo di creazione del cliente passo dopo passo. Coprendo specifiche come modelli comportamentali, obiettivi, bisogni, attitudini, credenze, flusso di lavoro, abilità e ambiente.

SimilarWeb

SimilarWeb può essere particolarmente utile se stai cercando di scoprire i dati demografici che riguardano particolari blogger.

SimilarWeb offre ampie analisi di siti Web, aziende e app. Anche se hai bisogno di un piano a pagamento per utilizzare SimilarWeb in modo più frequente, offre comunque un piano gratuito in cui puoi ottenere un rapporto su qualsiasi sito Web o app.

La versione gratuita offre 5 risultati per metrica, 1 mese di dati delle app mobili e 3 mesi di dati sul traffico web.

Il consiglio però è anche quello di utilizzare altri strumenti per determinare quali siti di potenziali influencer desideri esaminare, prima di utilizzare la ricerca di Similar.web.

Buzzsumo

Buzzsumo è un prodotto freemium. Puoi usarlo gratuitamente, ma i risultati limitati mostrati dall’account gratuito ti faranno presto desiderare di avere una versione a pagamento.

Buzzsumo è eccellente per mostrare ciò che è popolare sui social media. Può mostrarti quale contenuto condivide di più qualsiasi azienda, il che è ottimo per verificare cosa ha avuto successo per i tuoi concorrenti.

In alternativa, puoi cercare per settore. Ti mostrerà quali elementi di contenuto sono stati maggiormente condivisi sui social media su argomenti specifici.

Tuttavia, Buzzsumo fa di più. Puoi anche usarlo per vedere chi ha avuto più contenuti condivisi.

Include una sezione Influencer e Outreach che consente di trovare, analizzare e seguire gli influencer.

Puoi ordinarlo in molti modi per determinare chi sono i più importanti influencer sui social media nella tua nicchia.

Probabilmente dovresti concentrarti maggiormente sulle autorità di dominio degli influencer che sui loro follower.

Se vuoi instaurare una relazione con un influencer, devi anche assicurarti che abbia un ragionevole rapporto di retweet – qualcosa vicino al 20% o superiore. Se non ritwittano, è improbabile che tu sia in grado di incoraggiare quella persona a condividere il tuo materiale.

Tuttavia, nella versione Free, puoi vedere solo i primi 10 influencer. Potresti prendere in considerazione la possibilità di sottoscrivere la versione di prova gratuita a breve termine della versione premium, per darti più tempo per trovare influencer.

GroupHigh

Sebbene tu possa a malapena chiamare GroupHigh uno strumento di marketing gratuito per Influencer (come una piattaforma con tutte le funzionalità), hanno una sezione del loro sito che potrebbe essere molto utile per una piccola impresa che vuole iniziare a intraprendere il marketing a basso costo.

Forniscono una serie di 12 elenchi centralizzati gratuiti di influencer collegati a particolari nicchie. Hanno creato questi elenchi dal database degli influencer della loro piattaforma.

Se uno di questi elenchi copre la tua nicchia, potresti usarlo come punto di partenza per determinare gli influencer nella tua nicchia a cui potresti avvicinarti.

influencer migliori siti

Gli elenchi correnti disponibili per il download dal loro sito sono:

  • Influencer di viaggi per famiglie
  • Elenco di influencer fai-da-te
  • Influencer per chi vuole tornare a scuola da adulto
  • Influencer per vacanze autunnali
  • Influencer su guide per acquisti di regalo
  • Blogger per consigli culinari
  • Influencer per viaggi invernali
  • Consiglieri su come iniziare nuovo anno
  • Influencer di San Valentino
  • Blogger per viaggi di lusso
  • Influencer maschi
  • Beauty Blogger
  • Influencer per animali domestici
  • Blogger tecnologici
  • Influencer per genitori
  • Blogger sportivi

NinjaOutreach

NinjaOutreach è un altro strumento di ricerca per influencer basato su cloud a servizio completo.

NinjaOutreach ti consente di cercare potenziali clienti nel suo database di oltre 25 milioni di siti Web. Per restringere le cose, puoi aggiungere tag per filtrare per:

  • bloggers
  • influencers
  • Aziende
  • Singoli articoli

Oltre ai siti Web, NinjaOutreach ti consente anche di cercare su Twitter e Instagram.

E come BuzzStream, NinjaOutreach offre anche un’estensione del browser che ti consente di visualizzare informazioni su un sito Web mentre navighi.

Dopo aver trovato alcuni potenziali clienti, è possibile aggiungerli a un elenco di prospetti ordinabile e filtrabile. Puoi anche aggiungere tag per organizzare ulteriormente le cose.

E poi, una volta che hai i tuoi elenchi di potenziali clienti, NinjaOutreach ti aiuta a inviare e-mail automatizzate e personalizzate alle persone nella tua lista. Oltre a follow-up automatizzati se lo desideri.

NinjaOutreach terrà traccia dei dettagli su e-mail, clic e risposte in modo che tu possa vedere anche l’efficienza dei tuoi sforzi.

Come avrai notato, sembra abbastanza simile a BuzzStream. Tuttavia, ci sono delle differenze evidenti tra i due:

NinjaOutreach ti consente di automatizzare l’intera sequenza di e-mail (inclusa l’e-mail iniziale), mentre BuzzStream ti consente solo di automatizzare i follow-up. Sebbene automatizzare l’e-mail iniziale sembri più uno spam.

NinjaOutreach ti consente di cercare direttamente influencer su Twitter e Instagram. Mentre BuzzStream visualizza informazioni sugli account dei social media. Quindi, è ancora principalmente focalizzato sui siti Web.

BuzzStream include funzionalità più incentrate sul team rispetto a NinjaOutreach. Inoltre, poiché il piano più economico di NinjaOutreach parte da $ 69 al mese, BuzzStream è un po’ più accessibile per i clienti più piccoli.

Come BuzzStream, NinjaOutreach offre una prova gratuita di 14 giorni, così puoi iscriverti e vedere se è giusto per te senza alcun rischio.

Ecco le piattaforme supportate da NinjaOutreach: Blog, Twitter, Instagram. Quanto a quest’ultima app, la vera chicca è che questa piattaforma prevede una sezione apposita per la ricerca su Instagram.

Basta pigiare sulla seconda voce in alto nella Home page Instagram search. Nei due campi da compilare, dobbiamo scrivere una keyword riferita a ciò che cerchiamo e la zona che ci interessa.

A titolo di esempio, abbiamo cercato “giocattoli” e “Campania“, supponendo di avere un negozio di giocattoli e vogliamo vendere prodotti sul territorio campano.

Pigiando su Keep Searching, ci appariranno tutte le statistiche del profilo comparso. Che, come vedete è solo uno. I dati saranno criptati e per visualizzarli dovete iscrivervi alla piattaforma.

Awario

Awario si definisce uno “strumento di monitoraggio dei social media e web“. Ma parte di quel “monitoraggio” in realtà include funzionalità che è possibile applicare direttamente alla ricerca di influencer.

influencer awario

Ad esempio, quando cerchi persone che hanno menzionato il tuo marchio o argomenti correlati, puoi rapidamente visualizzare e ordinare “raggiungere“:

In sostanza, questo ti consente di trovare le persone più influenti che pubblicano su di te e sulla tua nicchia. Quindi, puoi contattare questi influencer o monitorarli per costruire lentamente una relazione nel tempo.

Oltre a ciò, puoi anche impostare un monitoraggio continuo per parole chiave specifiche e visualizzare un rapporto di influencer per vedere gli account più influenti per quell’argomento nel tempo. Per approfondire ulteriormente, puoi anche filtrare per singole reti.

Questo ti aiuta non solo a trovare gli influencer una volta, ma anche a rimanere aggiornato sugli influencer col passare del tempo.

Piattaforme supportate: Blog, Facebook, Twitter, Instagram, YouTube, Google+ e Forum.

Pitchbox

Pitchbox è uno strumento di ricerca per influencer commercializzato nei team SEO. Si tratta probabilmente del migliore tool per la ricerca specifica di blog, piuttosto che per qualsiasi cosa abbia a che fare con i social media.

Pitchbox ti consente di trovare potenziali influencer tramite una semplice ricerca per parole chiave. E poi le integrazioni con servizi SEO come Moz, Majestic e SEMRush ti aiutano a filtrare quegli influencer per trovare solo quelli con la massima autorità.

Una volta che hai trovato alcuni influencer con cui vuoi connetterti, Pitchbox ti aiuta a inviare e-mail di sensibilizzazione personalizzate, nonché i follow-up automatici che sostengono che possono aumentare i tassi di risposta del 62% in media.

L’unico aspetto negativo? I prezzi di Pitchbox lo rendono fuori portata per molti blogger e i loro prezzi sono nascosti sul sito Web. Quindi devi fruttare la demo per saperne di più.

Piattaforme supportate: Blog.

Followerwonk

Followerwonk offre un account gratuito. Certo, non è così completo come gli strumenti visti fino ad ora, ma è una buona opzione per i blogger con un budget limitato.

Precedentemente uno strumento di Moz, Followerwonk è in procinto di passare a la nuova proprietà di uno degli ingegneri iniziali del progetto.

In parole povere, Followerwonk ti aiuta a trovare gli influencer di Twitter appartenenti alla tua nicchia. Non prevede altri Social, ma se gli influecer di Twitter sono ciò di cui hai bisogno, Followerwonk può aiutarti a trovarli gratuitamente.

Lo strumento ti consente di cercare nel BIOS di Twitter per parola chiave e quindi confrontare tali account con altri utenti di Twitter e / o scaricare rapporti.

Lo strumento Analizza di Followerwonk può anche aiutarti a creare vari segmenti di utenti Twitter. E include anche altre funzionalità di analisi di Twitter che possono aiutarti a monitorare il tuo account.

Pur non facendo parte della ricerca di influencer, potresti comunque trovare utili queste funzionalità.

 

Alla fine, Followerwonk non può competere sulla pura funzionalità con nessuno degli strumenti precedenti. Né ci sta provando.

È solo un valido strumento introduttivo che non ti costerà un centesimo per la ricerca di influencer di base.

Per affinare la tua ricerca, puoi cercare in base a questi parametri:

  1. Posizione
  2. Numero minimo / massimo di follower
  3. Numero minimo / massimo di tweet

Piattaforme supportate: Twitter.

Dovetale

Dovetale si definisce “Analisi in tempo reale per far crescere il tuo marchio“. E sebbene non tutte queste analisi si concentrino sulla ricerca di influencer, Dovetale offre due modi accurati per trovare influencer legati al tuo marchio.

dovetale influencer

Innanzitutto, ha il modulo standard “discover” in cui è possibile cercare influencer utilizzando parole chiave e quindi filtrare per cose come la copertura totale e la posizione. Utile, ma la maggior parte degli altri strumenti può già farlo.

Ma ciò che è più interessante di Dovetale è la sua funzione Monitor. Questa funzione ti consente di tracciare i tuoi concorrenti e vedere quali influencer stanno interagendo con i tuoi concorrenti.

Puoi anche fare lo stesso per i tuoi account, ma l’analisi della concorrenza sia la parte più interessante.

Da lì, puoi aggiungere rapidamente uno di questi creatori al tuo elenco. O visualizzare ulteriori informazioni su di essi per vedere se potrebbero essere “più adatti” al tuo marchio.

L’analisi della concorrenza funziona benissimo per la SEO e può funzionare altrettanto bene per la diffusione dell’influencer.

Una volta che hai delle prospettive, Dovetale ti aiuta a gestirle con le liste.

E un’altra caratteristica interessante che non otterrai con molti altri strumenti è Payments. Se stai effettuando un marketing con influencer a pagamento, puoi effettivamente gestire i pagamenti e raccogliere i dettagli fiscali direttamente dall’interfaccia Dovetale.

Dovetale parte con un costo di $ 199 al mese. Anche se questa tariffa può sembrare un po’ alta, è ancora in linea con qualcosa come Pitchbox. E’ comunque possibile utilizzarlo gratis in prova per 14 giorni.

Piattaforme supportate: Instagram, YouTube, Facebook, Twitter.

Klear

Klear è uno strumento freemium realizzato appositamente per il marketing degli influencer.

Klear suddivide gli influencer in 60.000 categorie di argomenti e analizza i loro dati demografici e psicografici. È essenzialmente un database, quindi la ricerca non richiede molto tempo.

Puoi filtrare gli elenchi di influencer in base alla:

  • rete di social media
  • dimensioni del loro pubblico
  • competenze
  • posizione
  • parole chiavedati demografici di entrambi gli influenzatori e il loro pubblico

Klear ti consente anche di misurare i risultati delle tue campagne di marketing per influencer al fine di capire quali funzionano meglio.

Prezzi: Freemium, con prezzi per piani a pagamento disponibili su richiesta.

Traackr

Traackr è una piattaforma di marketing per influencer che esegue tutti i passaggi: dalla ricerca di influencer sui social media alla misurazione dei risultati della campagna.

Lo strumento rende la scoperta degli influencer piuttosto semplice grazie al suo database di influencer. Quando cerchi l’influencer più adatto al tuo marchio, puoi filtrare i risultati in base a questi parametri:

  • rete di social media
  • argomento
  • lingua
  • posizione
  • età
  • sesso
  • affinità

Gli stessi filtri possono essere applicati ai follower dell’influencer. Altre funzionalità includono la possibilità di organizzare le tue campagne di influencer nell’app e di misurarne i risultati totali.

Heepsy

Heepsy è un altro strumento per trovare influencer, che include un database con sette milioni di influencer, ognuno dei quali ha oltre 5.000 follower.

Heepsy filtra gli account sospetti e falsi dai suoi elenchi e rivela anche le frequenze di pubblicazione e i tassi di crescita degli influencer delle informazioni.

Puoi scegliere i profili più adatti al tuo marchio usando filtri come categoria, area, livello di coinvolgimento e altro. Per accelerare il processo, Heepsy stima anche il costo per post degli influencer.

È inoltre possibile creare elenchi di influencer, esportare dati e contattare gli influencer direttamente dalla piattaforma.

Prezzi: i piani a pagamento partono da $ 49 al mese.

Inkybee

Per ogni sito Web nella pagina dei risultati, Inkybee fa visualizzare metriche quali visibilità e coinvolgimento. Il coinvolgimento viene calcolato sul numero di condivisioni, Like e tweet dei contenuti sul sito.

I blogger più influenti avranno un alto coinvolgimento e questi sono i tipi di persone che dovresti prendere in considerazione.

Puoi ordinare per livello di città, impegno e livello di visibilità. Anche i fattori di classificazione di Moz come Mozrank e Page Authority sono inclusi come filtri.

Dopo aver applicato i filtri, seleziona i blog che desideri raggiungere e salvali in un elenco. Utilizza il modulo di ricerca in Inkybee per inserire la parola chiave o la frase chiave.

InkyBee ha un servizio di individuazione automatica che analizza il Web alla ricerca di nuovi potenziali clienti in base ai termini di ricerca.

Questo è un ottimo strumento per scoprire post sul blog con menzioni delle tue parole chiave target.

Se, ad esempio, ti trovi nello spazio di marketing dei contenuti, aggiungi le parole chiave “marketing dei contenuti” al servizio di individuazione. E quando viene pubblicato un nuovo post sul blog con quella frase, ricevi una notifica.

FameBit

FameBit è un affascinante strumento di marketing digitale per influencer  perché si concentra sul collegamento di marchi con i giusti creatori di contenuti (principalmente su YouTube) in base ai loro requisiti.

Come funziona FameBit? Il primo passo è creare la campagna. Seleziona su quali piattaforme vuoi promuovere i tuoi contenuti, a quali tipi di contenuti ti interessano (recensioni di prodotti, tutorial, ecc.) E imposta il tuo budget.

La bozza della tua campagna sarà visibile sulla piattaforma in modo che i creatori di contenuti possano vedere i tuoi requisiti e fare domanda per lavorare con te inviando proposte.

Le proposte devono contenere il tipo di contenuto che vorrebbero creare per te, piattaforme su cui potrebbero pubblicarlo e le relative tariffe.

Il prossimo passo è selezionare i creatori. Ogni proposta include esempi di contenuti, informazioni sul pubblico del creatore (demografia e geolocalizzazione). Questa è la parte in cui devi esaminare le proposte e scegliere la migliore corrispondenza per il tuo marchio.

Se decidi di collaborare, il creatore ti invierà i contenuti per la tua approvazione. Una volta approvato, il creatore lo pubblicherà e condividerà il contenuto con i suoi follower.

Prezzo: lo strumento è gratuito, ma addebita una commissione del 10% ai marchi oltre a quello che pagano ai creatori. E applicano una commissione del 10% ai creatori, detratta dalle loro entrate.

SocialBlade

Questo strumento di marketing digitale ti dà accesso al suo database pubblico, che può fornirti analisi globali per qualsiasi creatore di contenuti, influencer, blogger, ecc.

Tra 55 milioni di account totali possiamo trovare:

  • 29,6 milioni di creatori di YouTube
  • 8,8 milioni di utenti Twitter
  • 8,4 milioni di account Instagram
  • Streamer Twitch 7,6M
  • 289,6K pagine di Facebook
  • Streamer mixer da 256,1K
  • 208,9K creatori di Dailymotion

SocialBlade ti mostra i dati di dettaglio di ciascun creatore, come ad esempio:

  • Numero totale di caricamenti
  • Numero totale di abbonati
  • Numero totale di visualizzazioni video
  • Geolocalizzazione (paese)
  • Tipo di canale basato sui dieci caricamenti pubblici più recenti dei creatori
  • Data di creazione dell’account.
  • Statistiche e informazioni di base sul canale Youtube di Brand24

Lo strumento mostra anche grafici con l’avanzamento di ciascun creators in base a:

  • visualizzazioni totali
  • numero di follower
  • cambiamenti nel numero totale di visualizzazioni
  • sottoscrizioni al mese

È uno strumento utile se vogliamo verificare un influencer. Sfortunatamente, al giorno d’oggi ci sono molti fake, che hanno creato la loro base di fan tramite pratiche sleali come l’acquisto di follower, commenti finti, abbonati falsi, ecc.

Individuare falsi influencer può farti risparmiare un sacco di soldi e non richiede tempo. Quindi vale la pena farlo.

Linkdex

Con le radici impiantate come strumento SEO, Linkdex è uno strumento a pagamento che si è reinventato come soluzione SaaS che unisce i canali di ricerca, social, PR e contenuti per i “marketer organici“.

Le caratteristiche includono analisi del contenuto e strumenti di pianificazione basati su:

  • analisi delle ricerche per indicizzazione del sito tecnico
  • analisi del contenuto
  • conteggi di condivisioni sociali
  • conteggi di backlink
  • classificazione
  • valore
  • dati analitici multicanale

Fondamentalmente, Linkdex è uno strumento di marketing digitale, ma sempre più utilizzato dalle aziende di pubbliche relazioni che stanno aggiungendo marketing integrato al loro mix di servizi.

Little Bird

Fondato dal precedente pioniere di RWW, Marshall Kirkpatrick, Little Bird è uno strumento a pagamento che aiuta gli utenti a scoprire influencer che sono convalidati dai loro colleghi su Twitter. Su una varietà di argomenti, anche quelli emergenti.

Supporta inoltre l’intelligence competitiva, il content marketing, la ricerca orientata alle vendite su più social network.

PeerIndex

In qualità di servizio di analisi dei social media premium a pagamento, PeerIndex ha creato un grafico per identificare gli influencer su determinati argomenti.

Sui quali gli esperti di marketing possono cercare PiQ per trovare gli attori più influenti sul web.

Le caratteristiche includono:

  • approfondimento del pubblico
  • avvisi
  • ricerca
  • tracciamento degli influencer
  • analisi
  • rapporti sociali

Kred

Un prodotto di PeopleBrowsr, Kred è uno strumento di influencer analytics a pagamento. Che promette di aiutare gli esperti di marketing a identificare, dare priorità e coinvolgere gli influencer.

Offre un servizio Rewards che metterà in contatto gli esperti di marketing con gli influencer, nonché l’analisi del coinvolgimento del pubblico, le classifiche degli influencer e l’email marketing.

KredStory è un’applicazione consumer per la cura e la condivisione sui social network e l’analisi delle proprie attività sui social media. Che offre anche a ciascun utente un punteggio Kred.

Keyhole

Con un modello freemium, questo strumento di tracciamento hashtag aiuta a far emergere il contenuto e gli influencer. Soprattutto in relazione agli eventi che utilizzano un hashtag.

Le visualizzazioni includono conversazioni e contenuti principali, nonché approfondimenti per gli influencer. I risultati possono essere copiati negli appunti.

Esistono anche strumenti a pagamento per Newsroom Intelligence e Audience Intelligence che non hanno una prova gratuita.

Quale canale Influencer preferire?

Oltre al numero di followers, un Influencer va scelto anche per il canale che predilige. Infatti, ogni tipologia di canale comunicativo è meglio adatto per un tipo di attività.

Social network

Oggi i Social network sono ormai un aspetto preminente della vita di tutti noi. Tutto ciò che facciamo nella nostra vita, viene condiviso su un Social. Generalmente Facebook e Instagram, mentre Twitter è più utilizzato per esprimere le proprie opinioni e lanciare hashtag.

Anche il mondo del commercio non può non utilizzare i Social per promuoversi. E gli Influencer prediligono soprattutto Instagram (e Youtube che vedremo di seguito). Mentre Facebook è diventato uno strumento per condividere quanto pubblichiamo sui primi due.

Instagram consente di pubblicare fotografie e brevi video (in genere si sceglie il formato delle stories anziché dei feeds).

Blog

I Blog sono finiti un po’ in secondo piano con l’uscita dei Social network. Se Facebook aveva dato la prima mazzata, Instagram ha sicuramente dato un ulteriore colpo a questo modo di comunicare.

Comunque, di Blogger ce ne sono ancora molti e spesso integrano i loro post con video caricati da Youtube. O corredandoli con immagini.

Il Blog è nato come una sorta di diario virtuale o uno spazio dove ognuno esprime in forma scritta la propria opinione su un argomento.

E il Blog, rispetto ad un Social, dà anche una ambientazione più intima con i followers. Diventa uno spazio dove ci si ritrova tra amici, appassionati.

Infatti, gli influencer bloggers sono soprattutto quanti trattano tematiche più di nicchia, promuovono prodotti specifici. E gli stessi followers finiscono per stringere amicizia in modo più facile. Si scambiano opinioni e suggerimenti commentando un post.

Inoltre, c’è la possibilità di promuovere il proprio prodotto anche solo commentando ai loro post. Ovviamente non limitandosi al mero spam, ma integrando il proprio commento ad una discussione in corso.

Canali YouTube

YouTube è una piattaforma per caricare video esistente dal 2004. Anche se lo slancio definitivo è arrivato nel 2006, quando è stata rilevata da Google.

Ciò gli ha permesso di sopravvivere negli anni, cosa non facile in un universo come quello del web sempre mutevole e in rapidissimo cambiamento. Introducendo per esempio anche la possibilità di fare dirette Live.

Il formato video ben si adatta per fare Tutorial su come usare un prodotto o un portale o una app. Nonché presentare un nuovo smartphone, mostrare documentari, ecc.

Più un Influencer è chiaro e obiettivo nella sua recensione o nella sua guida, più sarà apprezzato e acquisirà nuovi followers.

Podcasting

Il podcasting è una forma più recente di contenuti online. Gli influecer che utilizzano questa formula sono detti podcaster.

L’idea rimanda un po’ alle vecchie radio e alla possibilità di parlare ad un pubblico esclusivamente a voce. Si tratta di una tecnologia che permette l’ascolto di file audio tramite web distribuendo aggiornamenti chiamati “feed RSS”. Ai quali ci si puo’ iscrivere.

Anche un po’ a sorpresa, questo metodo di comunicare si sta diffondendo parecchio negli ultimi anni.

Come scegliere un Influencer: meglio una celebrità o un perfetto sconosciuto?

Abbiamo prima descritto vari tipi di Influencer. Ma, volendo restringere, il campo meglio scegliere una “celebrity” o un “opinion leader“.

Dipende ovviamente sempre dal tipo di prodotto che vogliamo promuovere.

Influencer celebrity

Le celebrità sono dei Vip che si sono poi scoperti influenti sul web. I secondi sono partiti da zero e con la forza dei loro argomenti si sono fatti strada.

Il marketing ha iniziato ad utilizzare le celebrità soprattutto a partire dagli anni ’80, quando hanno iniziato a dilagare le cosiddette Tv commerciali.

Si era scoperto che un prodotto pubblicizzato da un personaggio famoso vendeva di più. Era più credibile solo perché consigliato da questo o quel divo.

Accaparrarsi i servigi di una celebrità non è affatto semplice. Come detto, costano molto e sono già sotto contratto con altri marchi prestigiosi.

Si potrebbe per esempio “sperare” che il Vip in questione già usi un determinato prodotto e lo sponsorizzi con piacere.

Può essere il caso di un chitarrista che decide di promuovere una chitarra che suona da anni. Oppure una modella che ama una particolare linea di accessori o dei capi di abbigliamento, ecc.

Va da sé che accaparrarsi una celebrità per promuovere i propri prodotti è un gran colpo. Anche perché a sua volta promuoverà il prodotto o servizio sui propri canali Social, raggiungendo un numero elevato di potenziali clienti.

Tuttavia, essendo un pubblico spesso molto vasto per genere, età, paese d’appartenenza, bisogna anche capire quanti poi alla fine compreranno ciò che promuove.

Opinion leader

Gli opinion leader sono invece coloro che hanno un seguito grazie alla forza delle loro idee, delle loro posizioni. Hanno assunto una certa credibilità e posizione.

Solitamente, appartengono alle seguenti figure professionali:

  • Giornalisti
  • Accademici
  • Esperti del settore
  • Consulenti professionisti

Un giornalista che scrive per un noto quotidiano, un settimanale o per un sito web, renderà la promozione della nostra azienda molto più credibile. Così come un docente universitario di fama nazionale (perché magari va spesso ospite nei Talk show).

Così come un noto consulente finanziario che sponsorizza una Banca o un Broker online. O un famoso alpinista che sponsorizza un set per sciare.

La difficoltà nell’ingaggiare questa tipologia di Influencer sta nel fatto che, se è vero che costano meno dei precedenti, hanno anche un minore seguito sul web.

Inoltre, accetteranno con più difficoltà una proposta, proprio per non rovinarsi la reputazione.

Quindi, questo genere di Influencer è più adatto per prodotti soprattutto di carattere culturale (promuovere un libro appena pubblicato, una rivista scientifica in partenza), sport e hobby di nicchia, prodotti finanziari.

Influencer partiti da zero

Infine, abbiamo quei tipi di Influencer che non erano celebrità o che non sono leader in un determinato settore. Semplicemente, sono partiti da zero e con la forza delle proprie argomentazioni, sono riusciti a scalare la vetta aumentando i propri followers.

Si sono fatti quindi una reputazione e per molti esperti, come già accennato, solo coloro che più segue la cosiddetta Z Generation. I Millennials, quanti sono cresciuti nella tecnologia degli smartphone. E ritengono già Social come Facebook superati, preferendo Instagram o il redivivo Youtube.

Anzi, proprio gli Youtubers appartengono principalmente a questa categoria. Molti sono partiti con una semplice webcam del portatile o con uno smartphone di fascia medio-bassa. E ora sono diventati milionari.

Come detto, questa tipologia di Influencer ben si adatta alla promozione di videogame, ingredienti o attrezzi per cucinare, capi di abbigliamento e accessori, prodotti scolastici, ecc.

Come trovare migliori Influencer su Instagram

Come già detto in precedenza, Instagram è diventato un canale straordinario per promuovere la propria attività. Dato che viaggia spedito verso il miliardo di utenti attivi.

Ma come trovare i migliori Influencer su questa app? Ecco come fare in vari passaggi:

Analizza i commenti ai tuoi post

Un primo modo interessante per trovare un Influencer su Instagram, è analizzare i commenti che ti sono stati lasciati ai post. In questo modo, vedrai chi è già interessato a ciò che proponi.

In questo modo, se scatta la collaborazione, essa apparirà spontanea e naturale agli occhi dei followers. Dato che l’influencer già in passato a condiviso qualche nostro post.

Per esempio puoi dare peso a quanti hanno comprato spesso il nostro prodotto o ha attivato il nostro servizio. O che ha condiviso spesso i nostri prodotti.

Interessante poi vedere quante volte siamo stati taggati dagli altri.

Analizza chi usa i tuoi stessi Hashtag

Gli hashtag sono ottimi strumenti per far seguire i propri post e partecipare a discussioni. Se usiamo qualcuno spesso, potremmo, attraverso essi, trovare gli influencer ideali per la nostra campagna pubblicitaria sulla app.

Seguendo gli hashtag principali, possiamo scovare centinaia di potenziali influencer.

Se non utilizziamo già un hashtag in modo frequente, possiamo vedere quali sono i più rilevanti e quindi adattarci alla scia.

In questo modo, potresti scovare tanti micro-influencer molto interessanti. Come abbiamo visto, non è detto che ci serva la Chiara Ferragni di turno. Anche una persona poco nota, ma seguita da un pubblico di centinaia di utenti fedeli, può essere molto utile. Magari scovarne diverse può essere la soluzione vincente.

Usa Fohr o People Map

Oltre ai tanti tools prima menzionati, ce ne sono altri due molto interessanti: Fohr e People Map.

Fohr Card mette a disposizione una serie di strumenti per trovare gli Influencer migliori su Instagram.

La funzione Follower Health mette a disposizione dell’utente diversi dati, come:

  • nome
  • biografia
  • numero di post pubblicati su Instagram
  • “punteggio” complessivo in base a determinati parametri per capire quanto sia realmente seguito

Il secondo tool si chiama People Map. Altro strumento interessante per trovare gli influencer a noi più congeniali,  il loro tasso medio di engagement e il numero medio di Like acquisiti ad ogni post.

Molto semplice ed immediato, non si perde in numeri e statistiche fuorvianti.

People Map consente di classificare gli Influencer per:

  • hashtag da loro più utilizzati
  • numero followers totale
  • didascalia
  • keywords

Scruta gli account Instagram della concorrenza

Analizzare ciò che fa la concorrenza è sempre un ottimo modo per migliorarsi e adottare le strategie giuste. In tutti i campi e il marketing di influencer non è da meno.

Sarà possibile valutare che tipo di influencer marketing stanno attuando, nonché con chi hanno intrapreso partnership collaborative.

Anche perché ciò ci consentirà di evitare l’errore di ingaggiare un influencer già scelto dai concorrenti.

Analizzando i commenti e gli hashtag ai post dei propri concorrenti, sarà possibile individuare alcuni potenziali influencer che fanno al caso nostro. Purché, ovviamente, non abbiamo già intrapreso una collaborazione con essi.

La ragione dietro questa idea è la seguente: se commentano e interagiscono con i post della concorrenza, probabilmente potrebbero essere fortemente interessati anche ai nostri prodotti o servizi.

Chiedere ai nostri followers

Ascoltare il proprio pubblico, la propria clientela, è sempre la cosa migliore. Al fine di restare in sintonia con essi. E proporre ciò che desiderano.

Pensiamoli come i nostri occhi e le nostre orecchie. Molto probabilmente, seguiranno anche altri marchi e influencer. Pertanto, avranno delle loro preferenze e gradiranno magari che collaboriamo con determinati utenti.

Analizza la qualità dei loro contenuti

Naturalmente, non devi solo limitarti agli hashtag e ai titoli di cosa propongono. Bensì, anche alla qualità dei loro contenuti. Quindi, la tua scelta deve essere il giusto connubio tra qualità e quantità.

I contenuti devono essere ben allineati al nostro brand, esteticamente gradevoli. Nonché esperti nel formato che intendiamo dare ai nostri post. Preferiamo dei video? Delle belle immagini ad effetto?

Se abbiamo un buon capitale da investire, potremmo anche cercare Influencer che hanno già collaborato con società importanti. O, quanto meno, provengono da un percorso formativo che li ha forgiati.

Dobbiamo quindi conoscere il loro modo di lavorare, come costruiscono un contenuto.

Analizza i dati demografici degli influencer

E’ molto interessante anche analizzare i dati demografici collegati agli influencer potenziali che vogliamo ingaggiare. Ciò ci consentirà di capire se il loro pubblico corrisponde al nostro.

Per esempio, potremmo analizzare i seguenti dati:

  • geolocalizzazione
  • età anagrafica
  • genere
  • lingua
  • reddito approssimativo
  • ecc.

In questo modo, potremmo fare in modo che i nostri prodotti e / o servizi siano proposti ad un segmento di pubblico potenzialmente interessato. E ciò lo potremo sapere solo conoscendo alcuni dati come quelli sopra.

Come trovare Influencer migliori su Youtube

Oltre ad Instagram, un’altra piattaforma dalle grandi potenzialità per pubblicizzare il nostro brand è Youtube. Sebbene, ovviamente, il mezzo che useremo sarà quello dei video.

Ecco 4 tool interessanti per trovare gli Influencer che più si adattano al nostro brand:

dbase

Questo tool è molto simile al già visto SocialBlade, ma rispetto ad esso è più specifico per Youtube. In particolare, offre interessanti classificazioni, senza limite di numero.

Graficamente è estremamente user-friendly, mostrando in modo chiaro i dati, i cambiamenti dettagliati nelle visualizzazioni. Ed ancora, sottoscrizioni giornaliere, settimanali e mensili.

Infine, mostra all’utente anche informazioni sugli ultimi video di ciascun canale.

La cosa più interessante di questo tool, però, è che offre una classifica real time di video e streaming live.

Unico limite è che la ricerca può essere effettuata usando come unici filtri il Paese d’origine, la tipologia e il numero effettivo di abbonamenti sottoscritti.

Wizdeo

Wizdeo offre un utilissimo report di dati, non solo relativo a Youtube, ma anche ad altri Social come Instagram e Facebook.

Offre la possibilità di usare filtri per la ricerca come

  • numero di abbonamenti
  • visualizzazioni ai post
  • contenuti dei post
  • ecc.

I risultati delle ricerche possono anche essere salvati ed esportati esternamente, così che restano a nostra disposizione ogni qualvolta ci occorrano e senza dover ogni volta rifare tutto d’accapo o utilizzare il tool.

L’user può anche analizzare le effettive prestazioni del canale dell’Influencer e confrontarlo con altri canali.

Infine, Wizdeo offre anche una assistenza per poter migliorare la propria ricerca. Quindi, è molto più completo del precedente, sebbene anche molto più professionale.

Pertanto, si potrebbe riscontrare qualche difficoltà ai primi utilizzi.

Scrunch

Scrunch è specializzato per la ricerca di Influencer su Youtube, ma anche Blog e Twitter. E anche su più tipologie di argomenti.

La ricerca può essere eseguita utilizzando come filtri per esempo il numero di followers, i post pubblicati, il loro genere.

Grave pecca però è la mancanza di poter elaborare statistiche. Pertanto, saremo costretti ad utilizzare altre piattaforme per l’analisi dei dati.

Tuttavia, un ottimo dippiù di questo tool è costituito dal fatto che, una volta aggiunti influencer alla lista, possiamo anche chiedere un preventivo. Ciò facilita grandemente il primo contatto con loro.

InteRed

InteRed è stato ideato appositamente per i professionisti di YouTube.

Consente una ottima ricerca, una implementata analisi dei dati, una approfondita gestione dei progetti. Così da capire bene, ai fini della selezione finale, quali sono le prestazioni nonché lo stile degli influencer.

Ma anche i numeri quantitativi vogliono la loro parte. E così possiamo vedere il numero di visualizzazioni ricevute per ogni video e quanto i followers siano coinvolti.

InteRed consente anche di visualizzare classifiche degli influencer.

E’ molto facile trovare quindi quello che più si adatta al nostro brand.

E’ anche possibile cercare per tema: cosmetica, gaming, design, attrezzi sportivi, ecc.

Possibilità di visualizzare un grafico di tendenza e un record del canale fino ad un intervallo di tempo pari a 30 giorni.

Il risultato finale è raccolto in un file Excel molto chiaro.

Il tutto, avendo a che fare con una piattaforma estremamente user-friendly.

Come riconoscere gli Influencer fake

Purtroppo, però, non è tutto oro quello che luccica. Abbiamo infatti già più volte messo in guardia sul fatto che molto influencer acquistino followers e like fittizi mediante dei tools creati appositamente.

L’unico modo per cercare di non andare incontro a Influencer farlocchi, è quello di armarsi di pazienza e dedicare un po’ di tempo a indagare sui loro followers, sulla genuinità dei commenti ai loro post.

Un altro modo per scovare followers fasulli, è quello di vedere la loro foto profilo e il loro nickname. Se non hanno una loro foto o il loro nickname è composto da una combinazione casuale di lettere e numeri, potrebbero rientrare nel novero di followers bot.

Riguardo la geolocalizzazione dei loro seguaci, potresti chiedere all’influencer di cui siamo interessati, di fare uno screenshot relativo alla distribuzione del suo pubblico. Cosa che può essere fatta mediante Instagram Analytics!

Se si rifiutano o se molto followers provengono da paesi diversi da quello di origine dell’influencer o diversi da quelli dove il prodotto o il servizio è tendenzialmente più attivato, vuol dire che probabilmente sono finti. E hanno costruito il proprio pubblico in modo artificiale.

Non mancano purtroppo anche strumenti per iscrivere utenti a pagine a loro insaputa. Quindi, anche se si tratta di utenti reali, in realtà non hanno chiesto loro di iscriversi ai feeds di un influencer. Ma sono stati catapultati da questi Bot.

Pertanto, molti saranno irritati per questo, sicuramente non avranno alcun interesse a ciò che proponi. Altri, potranno invece esserlo, perché magari senza volerlo, osservano dei post di loro interesse.

Resta comunque il fatto che si tratta di una pratica poco onesta, contro la quale è quasi impossibile difendersi. Poiché, come detto, apparentemente, dietro questi followers ci sono utenti reali.

Come contattare un Influencer su Instagram

Individuato l’Influencer che fa per noi, dobbiamo contattarlo. Come fare? Ecco alcuni utili consigli.

La prima cosa da pensare è quale vantaggio gli proponiamo nella nostra collaborazione. Quindi, quali vantaggi e benefici ne trarrebbe lavorando per noi.

Il messaggio mediante il quale lo contattiamo, deve essere coinciso, senza troppi fronzoli. Non ha certo molto tempo da dedicarci, ne intende farlo (almeno che non siamo un grande brand, ovviamente).

Occorre poi essere modesti, non mettiamogli fretta, sforzandoci di fargli credere che la nostra sia una occasione unica ed irripetibile. Più che convincerlo, saremo derisi da lui.

Altra cosa importante è quella di avere già un tariffario prestabilito. Così da fargli un’offerta che, sebbene possa rifiutare, quanto meno sia quanto più congrua col suo potenziale. Per esempio, un importo per ogni intervallo di numero di followers.

Ma, ovviamente, che sia anche congruo col nostro budget. Non possiamo sparare cifre giusto per accaparrarcelo, per poi fare la figuraccia di non poterci permette di pagarlo.

Riguardo la modalità di contatto, possiamo provare prima con un commento ad un post attinente. Se non riceviamo risposta, possiamo provare con un messaggio Direct.

Se neanche questa modalità va a buon fine, non scoraggiamoci. Vediamo se nella descrizione del profilo ci sono mail e numero di telefono.

Passeremo quindi a queste modalità più dirette e tradizionali, meglio ancora provare col telefono, anche con un messaggio WhatsApp. In ultima istanza, proviamo con una telefonata diretta.

Meglio avere una lista con più alternative, con una classifica ordinata per importanza attribuita a ciascun Influencer. Così da scorrerla e provare con uno per volta.

Come contattare Influencer su Twitter

Twitter è un Social con una propria peculiarità: creare delle discussioni incentrate su personaggi molto seguiti o argomenti, grazie agli hashtag (anticipati come saprai dal carattere #).

Caratteristica che lo contraddistingue è il numero limitato di caratteri per post.

Una volta che abbiamo individuato l’influncer o gli influencer che più sono idonei al nostro brand, possiamo partecipare alle discussioni dei loro post. Possibilmente afferenti a ciò che gli vogliamo proporre.

Ci faremo conoscere, oltre a mostrarci interessati a ciò che scrivono. Prenderemo due piccioni con una fava: ci faremo conoscere anche dai followers che lo seguono.

Ovviamente gli influenzatori scelti saranno contattati anche da altri utenti in cerca. Quindi dobbiamo convincerli con argomentazioni forti.

Dobbiamo poi raccogliere tutti gli influencer in un elenco privato di Twitter e monitoralo tramite il tool esposto in precedenza TweetDeck.

Così potrai avere sempre sott’occhio i loro tweet, retweet, partecipare ai threads, ponendo domande, lasciando commenti interessanti che ti distinguono dagli altri.

Quando deciderai finalmente di fare il grande passo, quindi di contattarlo, cerca di offrirgli un vantaggio. Qualcosa per cui valga la pena che collabori con te.

Per esempio, se ha un blog, se organizza corsi o webinar, se ha da poco pubblicato un libro e lo sta promuovendo, o se ha lanciato qualsivoglia prodotto o servizio, potresti offrirti di promuoverlo a tua volta. Chiedendo ovviamente prima il suo consenso.

Per esempio, inviando una mail ai tuoi contatti dove ne parli. Oppure scrivendo un post promozionale se hai un sito, pubblicando un post su Twitter con vari hashtags, ecc.

Fatto ciò, e aver acquisito (si spera) la sua simpatia, possiamo chiedergli di promuovere il nostro di prodotto o servizio.

Potrebbe essere ben lieto avendo visto la tua gentilezza, sebbene occorra ricordare che il tuo è solo il primo passo per “rompere il ghiaccio“.

Ovviamente dovrai fargli una giusta offerta economica. Tenendo magari a mente quanto detto per Instagram. Cioè già creando uno schema potenziale di offerta.

Influencer costi

Quanto costa un Influencer su Instagram? Ovviamente non poco. Si stima che il costo medio per una foto o breve video sponsorizzati sul Social in grande ascesa, sia incrementato quasi della metà nel 2019 rispetto all’anno precedente.

Pertanto, il costo medio di un post su Instagram è passato dai 1.143 dollari del 2018 ai 1.642 dollari del 2019.

Naturalmente, parliamo di una media. Basti pensare, per esempio, che Kylie Jenner – imprenditrice e personaggio televisivo statunitense, poco più che ventenne – richieda circa 1,2 milioni di dollari per un singolo post su Instagram.

Del resto, vanta quasi 170 milioni di followers. Numero destinato ad aumentare costantemente. E’ così risultata essere la più pagata nel 2019 su questo Social.

Dietro lei ci sono la cantante Ariana Grande e il calciatore portoghese Cristiano Ronaldo. I quali devono “accontentarsi” rispettivamente di 966mila e 977mila dollari per post.

Fuori dal podio Influencer come Selena Gomez, Dwayne Johnson e Beyoncé, rispettivamente con $886mila, $882mila e  $785mila per post.

Gli influencer italiani più pagati al 2019 sono

  • Chiara Ferragni: 58.300 dollari
  • Gianluca Vacchi: 44.600$
  • Fedez: 28.500 dollari

Naturalmente stiamo parlando di grandi nomi. Esistono anche i micro-influencer, che potrebbero essere anche più adatti a ciò che vogliamo promuovere. E, soprattutto, alle nostre tasche.

Si stima che il prezzo di un micro-influencer sia di 10 dollari per 1.000 followers.

Volendo fare una panoramica generale, secondo il portale Izea, il costo medio per post per ogni principale Social network è il seguente:

  • Facebook: 442 dollari per tweet
  • Twitter: 395 dollari per post
  • Blog: 1.442 dollari per post
  • Instagram: 1.643 dollari per foto o breve video
  • YouTube: 6.700 dollari per video

Quindi, come si può vedere il blog è un formato che rende ancora. Esistente ormai da un ventennio e messo pesantemente in discussione dai Social emersi negli anni.

Tuttavia, è un sito personale e quindi può risultare sicuramente molto influente e credibile rispetto ad un post su essi. Inoltre, come detto, si crea anche un rapporto familiare con gli altri utenti.

Il Social più costoso resta Youtube, malgrado sia nato nel 2004 e, come detto, negli anni sia riuscito a mantenere sempre un certo livello. Anche grazie alla quasi immediata acquisizione di Google (appena 2 anni dopo).

Del resto, molti personaggi diventati famosi sui media tradizionali, sono partiti proprio come Youtuber. Diventando da qualche anno così un importante rampa di lancio per attori, showman o cantanti.

Inoltre, un video ben fatto presuppone un lavoro più lungo rispetto ad una foto con didascalia come accade su Instagram. Ad un breve tweet su Twitter o ad un testo su blog o Facebook.

E spesso prevede anche l’intervento di terze figure, per esempio videomaker per il montaggio, musicisti per la creazione di geengle, ecc. Infatti, bisogna anche stare molto attenti al copyright, che potrebbe costare l’oscuramento del video.

Ed anche nel caso in cui lo youtuber sappia fare queste cose da solo, comunque dovrà impiegarci del tempo per aggiungerle. Pertanto, il risparmio sarà relativo.

Perché Facebook è indietro a tutti? Poiché è stato ormai scavalcato da Instagram e viene utilizzato soprattutto come “cassa di risonanza” per ciò che pubblichiamo su questo Social e su Youtube. Oltre all’utilizzo soprattutto per scopi divulgativi ed informativi.

Tra l’altro, la Z Generation lo usa pochissimo e lo ritiene già un media superato. Facebook è molto utilizzato soprattutto tra gli Over 40, in grande ascesa specie nel pubblico della “Terza età“, che lo ha scoperto da pochi anni mediante la diffusione degli smartphone anche tra loro.

Una posizione impensabile fino a qualche anno fa.

Quanto costa una storia su Instagram di Influencer

Volendo circoscrivere il discorso al solo Instagram, ecco in media le fasce di prezzo:

  • Il 66% degli Influencer richiede in media 250$ a post
  • Il 27% richiede tra 250$ e 1000$
  • Il 6% tra i 10.000$ e i 20.000$

Approfondendo per tipologia di contenuto, si stima che un Influencer con 118K followers e un tasso di coinvolgimento pari al 2.5%, presenta le seguenti tariffe:

Storie:

  • 1000$ per 5 post
  • 500$ per 2 post
  • 300$ per 1 solo post

Foto:

  • 5 foto: 2500$
  • 2 foto: 1200$
  • 1 foto: 700$

Diverso il discorso per un micro-influencer. Si parla di una media di 325$ per post e 85$ per una serie di 5 storie.

Quanto costa video su Youtube di Influencer

Veniamo a Youtube, che come detto, è il Social che costa di più.

Naturalmente, occorre premettere che i fattori in campo sono tanti. Per esempio, la complessità dell’argomento trattato, quanto vogliamo che il video sia “spettacolare” (con musichette, effetti speciali, flashback, ecc.), quanto sia lungo, ecc.

La media è comunque elevata, come detto 6.700 dollari nel 2019. I prezzi stimati sono:

  • 30mila dollari a video per Youtuber con oltre 1 milione di follower
  • 25mila dollari per Youtuber che non superano il milione
  • 2-2.500 $ per gli Youtuber tra i 100 e i 500 mila follower
  • dai 500 ai 1.000 $ a video per Youtuber sotto i 100k follower
Ti è piaciuta questa risorsa? Premiaci!
[Totale: 1 Media: 5]

About LucaScialo

Leggi Anche

google trends

Google Trends: Strategie 2020 per scovare Keywords che portano traffico

In questa guida sarà illustrato cos’è e come funziona Google Trends e le varie strategie …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *