Registrare Marchio di movimento

Registrare marchio di movimento è una delle operazioni e delle scelte, da parte di un’impresa, finalizzate alla protezione della proprietà intellettuale. E soprattutto di quella industriale. Ma detto questo, cos’è per definizione un marchio di movimento?

Nel dettaglio, rispetto alle altre tipologie di marchi che si possono depositare e registrare, quello di movimento presenta una determinata caratteristica, Ovverosia quella per cui gli elementi del marchio sono caratterizzati e sono quindi costituiti o da un movimento, oppure da un cambiamento di posizione.

registrazione marchio di movimento

Come presentare la domanda per la registrazione di un marchio di movimento

Trattandosi di un marchio particolare, rispetto a quello standard che è rappresentato dal marchio denominativo, quello di movimento per essere depositato e per essere registrato, senza subire il rigetto della domanda, deve avere delle determinate caratteristiche.

Nel dettaglio, il marchio di movimento, prima di tutto, deve presentare degli aspetti non solo di chiarezza, di obiettività e di precisione. Ma il marchio di movimento deve essere pure intellegibile. E deve essere quindi ben rappresentato a livello grafico.

Ovverosia, l’azienda che deposita il marchio di movimento deve corredare alla rappresentazione grafica una descrizione ben precisa. Ed una spiegazione dettagliata del tipo di movimento per il quale viene richiesta la protezione. Questa protezione, inoltre, deve corrispondere perfettamente alla riproduzione grafica e quindi al movimento del marchio.

registrazione marchio denominativo

Il criterio dell’intelligibilità è quello da rispettare per la registrazione di un marchio di movimento

L’intelligibilità, inoltre, è una caratteristica chiave affinché un marchio di movimento possa essere registrato. In altre parole, la domanda di registrazione di un marchio di movimento viene rigettata se questo per la sua comprensione richiede un dispendio eccessivo di energia. Ed anche  un elevato grado di immaginazione.

Il marchio di movimento, infatti, deve essere compreso da tutti coloro che, ragionevolmente attenti, hanno dei livelli normali di intelligenza. Ed anche di percezione. Nel depositare il marchio di movimento, inoltre, sono accettati i file multimediali. Come quelli in formato video MP4 senza alcun limite, peraltro, ai fotogrammi. Ma anche i file JPEG con le immagini statiche rappresentati secondo una sequenza rigorosamente ordinata.

Come registrare online in sole 24h un marchio di movimento a livello nazionale o europeo

Per presentare correttamente la domanda di registrazione di un marchio di movimento, per quanto detto, è necessaria ed è indispensabile la consulenza legale di professionisti che abbiano maturato una lunga esperienza pregressa in materia di brevettazione e di tutela della proprietà intellettuale ed anche industriale.

Allo scopo, per registrare online in sole 24h un marchio di movimento a livello nazionale o europeo, si consiglia Lumen.Farm che è la piattaforma di marketing all-in-online che è ideale per le piccole e le medie aziende che vogliono tutelare i propri brand.

E questo perché con Lumen.Farm registrare velocemente un marchio, incluso pure quello di movimento, costa appena 149 euro più Iva, più le imposte di registrazione. Nel costo, inoltre, è incluso pure il supporto, l’assistenza e tutta la consulenza necessaria, ai fini della registrazione del marchio di movimento, da parte di un avvocato specializzato.

Come ideare un marchio di movimento e cosa non può essere registrato

Un marchio di movimento, che abbia un elevato carattere distintivo, non può che essere ideato combinando la creatività all’originalità. E questo anche in ragione del fatto che un qualsiasi marchio, includendo pure quello di movimento, non può essere registrato se contiene in tutto o in parte degli elementi che sono vietati a norma di legge in quanto, per esempio, questi rivestono un interesse di tipo pubblico e generale.

Per esempio, non è possibile depositare e registrare un marchio di movimento che contiene le riproduzioni di beni culturali o di opere d’arte. E lo stesso dicasi per i segni o per i simboli che sono tali da essere contrari alla legge, all’ordine pubblico o al buon costume. Così come, tra l’altro, un marchio di movimento non può contenere i ritratti di persone che non hanno prestato in maniera esplicita il loro consenso.

Quali sono i 3 requisiti chiave richiesti per la registrazione di un marchio di movimento

Al pari delle altre tipologie di marchi che si possono depositare, quello di movimento deve rispettare 3 caratteristiche fondamentali. Ovverosia la caratteristica di essere un brand distintivo, come sopra accennato, ma anche il rispetto dei principi di novità e di liceità.

Nel dettaglio, il brand di movimento è distintivo se con il marchio il consumatore è sempre in grado di distinguere i prodotti ed i servizi dell’azienda da quelli delle imprese che sono concorrenti. Il principio della novità si basa sul fatto che il marchio di movimento, per il quale si richiede la registrazione, non è confondibile con altri marchi che sono già registrati.

Mentre con il rispetto del principio di liceità il marchio di movimento che si deposita, altrimenti la domanda di registrazione sarà respinta, non deve essere ingannevole e, tra l’altro, non deve essere contrario non solo alla legge, ma anche all’ordine pubblico ed al buon costume.

registrazione marchio denominativo

Quanto dura le protezione per un marchio di movimento depositato e registrato

Per un marchio di movimento depositato e registrato, la protezione ha una durata che è pari a 10 anni dalla decorrenza con la possibilità di rinnovo praticamente all’infinito con una cadenza sempre di dieci anni in dieci anni. Inoltre, all’atto del deposito del marchio di movimento bisogna fare sempre attenzione all’ambito territoriale.

E questo perché il brand di movimento si può registrare non solo come marchio nazionale, ma anche come marchio dell’Unione Europea ed anche come marchio internazionale. Così come, all’atto della richiesta di registrazione del marchio di movimento, l’impresa è chiamata pure a definire univocamente l’ambito settoriale. Ovverosia i prodotti e/o i servizi così come è previsto dalla cosiddetta Classificazione di Nizza.

In particolare, il marchio nazionale si registra in Italia con la domanda da presentare all’UIBM che è l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi del Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE). Il marchio europeo si registra presso l’EUIPO che è l’Ufficio dell’unione europea per la proprietà intellettuale. Mentre la registrazione del marchio internazionale è a cura della WIPO che è la World Intellectual Property Organization.

Ti è piaciuta questa risorsa? Premiaci!
[Totale: 1 Media: 5]

About Filadelfo Scamporrino

Leggi Anche

registrazione marchio di posizione

Registrare Marchio di posizione

I marchi, al fine di poter essere registrati, devono avere una proprietà che è imprescindibile, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *