Quanto guadagna un influencer: i più pagati e strategie di monetizzazione

Moltissime persone si domandano quanto guadagna un influencer e in che modo riesce a monetizzare con il suo lavoro.

La risposta a questa domanda, purtroppo, non è per niente semplice e richiede l’analisi di numerosi fattori. Gli introiti di un influencer, infatti, dipendono molto dal pubblico al quale si rivolge e dai metodi di monetizzazione che riesce ad adottare.

In questa guida andremo ad analizzare le migliori strategie di monetizzazione utilizzate dagli influencer. Inoltre, vi riveleremo quali sono gli influencer più pagati e quanto guadagna in media un influencer.

Prenditi qualche minuto per te e mettiti comodo. Alla fine della lettura di questa guida conoscerai le migliori strategie di monetizzazione utilizzate dagli influencer e potrai sfruttarle a tuo vantaggio!

quanto guadagna un influencer

Chi sono gli influencer

Prima di proseguire con la nostra guida, è essenziale capire che cosa fa la figura dell’influencer.

In linea generale, un influencer è una persona che riesce ad influenzare le decisioni delle persone che lo seguono.

In passato, anche se il termine “influencer” non esisteva ancora, questo ruolo era ricoperto da chi aveva ottenuto la fama grazie al proprio lavoro. Tra queste persone potevano esserci:

  • Attori
  • Cantanti
  • Imprenditori famosi
  • Politici
  • Scienziati

Al giorno d’oggi, invece, la parola “influencer” è utilizzata in maniera particolare per indicare coloro che hanno un certo seguito sui social network.

Gli influencer si distinguono dalle celebrità classiche per il fatto che riescono ad avere un contatto più diretto con la propria fan base. Essi, infatti, tendono a condividere con i loro seguaci anche dettagli della loro vita privata. Ciò, ovviamente, riduce enormemente le distanze tra gli influencer e i loro follower.

Tale riduzione delle distanze è particolarmente utile dal punto di vista del marketing. L’influencer, infatti, viene visto dal consumatore come quell’amico che ci consiglia l’acquisto di un prodotto. Ciò porta l’influencer marketing ad essere una delle migliori tecniche per aumentare le conversioni.

Negli anni molte celebrità tradizionali hanno intrapreso carriere parallele da influencer. Anche molti di coloro che sono nati come influencer, però, hanno poi deciso di avviare carriere parallele nel mondo dello spettacolo.

Il termine “influencer”, quindi, è estremamente dinamico, ma fondamentalmente indica chi riesce ad influenzare le decisioni del proprio pubblico.

Pro e contro della vita da influencer

Diventare un influencer comporta sicuramente dei grandi vantaggi. Oltre alla possibilità di guadagnare molto, gli influencer riescono a creare ottime reti di contatti e, spesso, riescono ad avviare carriere parallele nel mondo dello spettacolo.

Purtroppo, non è tutto oro ciò che luccica. La vita da influencer, infatti, riserva anche delle cose negative. Saremo sempre soggetti al giudizio dei nostri follower e, specialmente agli inizi, lavoreremo tante ore senza guadagnare nulla.

Di seguito un rapido elenco non esaustivo di quelli che sono i pro della vita da influencer:

  • Potenziali guadagni molto elevati
  • Possibilità di gestire la propria giornata lavorativa
  • Creazione di un’ottima rete di contatti
  • Possibilità di viaggiare molto
  • Potenziale nascita di una carriera parallela nel mondo dello spettacolo
  • Possibilità di creare una propria linea di prodotti

Come detto, però, la vita da influencer riserva anche alcuni contro che vi elenchiamo nel seguente non esaustivo elenco:

  • I piccoli influencer potrebbero ritrovarsi a lavorare anche per tutta la giornata
  • Si rischia di perdere il diritto alla privacy
  • Non sempre si potrà essere se stessi, ma dovremo tener conto del giudizio continuo del nostro pubblico
  • Un calo della popolarità potrebbe tagliarci fuori da questo mondo in maniera definitiva

Abbiamo voluto fare questo breve elenco di pro e contro giusto per rendere chiaro che la vita di un influencer non è sempre piacevole come molti credono.

Influencer
Un influencer deve essere in grado di gestire numerosi canali di comunicazione in contemporanea.

Strategie di monetizzazione utilizzate dagli influencer

Gli influencer possono sfruttare molte strategie di monetizzazione. Essi, infatti, possono sfruttare la loro immagine per creare entrate da un numero davvero sterminato di attività.

Tra le principali strategie di monetizzazione sfruttate dagli influencer troviamo:

  • Sponsorizzazioni da parte dei brand
  • Regali da parte dei brand
  • Introiti dagli annunci online dei social network
  • Donazioni
  • Programmi di affiliazione
  • Partecipazione ad eventi
  • Carriera nel mondo dello spettacolo
  • Possibilità di creare la loro agenzia di comunicazione
  • Creazione di una propria linea di prodotti

Le strategie di monetizzazione, ovviamente, non si riducono a queste che abbiamo elencate, ma ce ne sono molte altre. In questo elenco abbiamo indicato solo le più diffuse.

Sponsorizzazioni da parte dei brand

Le aziende, ormai, hanno capito quanto sia potente l’influencer marketing. Far pubblicizzare un proprio prodotto ad un influencer, infatti, tende ad aumentare di molto il relativo tasso di conversione.

Pubblicizzare un prodotto attraverso un influencer riesce ad aggirare il principale problema della pubblicità classica, che è dato dal velo di diffidenza che prova il consumatore nei confronti del prodotto pubblicizzato. Nella pubblicità classica, infatti, viene semplicemente mostrato il prodotto, la sua funzione, qualche sua caratteristica e, solitamente, niente altro. Sono rari i casi in cui la pubblicità classica (indipendentemente dal mezzo utilizzato) riesce a conquistare la fiducia del consumatore.

Pagare un influencer per pubblicizzare un prodotto attraverso i suoi canali social, invece, riesce ad aggiungere quel tocco umano alla sponsorizzazione. L’influencer, quando consiglia un prodotto, è visto come quell’amico che ha comprato qualcosa prima di noi e a cui chiediamo se valga davvero la pena acquistare quel prodotto.

Recenti studi hanno rivelato che un buon parere circa un prodotto da parte di un amico riesce ad aumentare più di ogni altra cosa il tasso di conversione per quel prodotto. Solo gli influencer, attualmente, riescono ad emulare la raccomandazione di un prodotto da parte di un amico.

Ciò è dovuto al fatto che gli influencer, solitamente, interagiscono con i loro follower. Essi rispondono ai loro messaggi, mettono like ai loro commenti, comunicano con loro in diretta e così via.

Le sponsorizzazioni a pagamento da parte dei brand, quindi, sono una delle principali (ma non necessariamente più remunerative) fonti di guadagno degli influencer.

Gli influencer, solitamente, pubblicizzano i prodotti dei brand tramite foto e video nei loro canali social, durante qualche diretta, con delle storie o con molti altri formati a seconda del social network utilizzato.

 Quanto guadagna un influencer con le sponsorizzazioni da parte dei brand

Quanto guadagna un influencer che pubblicizza un prodotto sui suoi canali social? La risposta a questa domanda non è estremamente semplice.

Ci sono influencer che richiedono cifre fisse, altri che basano le tariffe sulle performance del proprio profilo ed altri ancora che fanno gestire tutto l’aspetto economico direttamente alle agenzie di management.

Le aziende, solitamente, prima di rivolgersi ad un influencer cercano di capire a quanto possa equivalere il ritorno economico di una sponsorizzazione. Immaginiamo che un’azienda voglia sponsorizzare una maglietta che vende al prezzo di 20 € e per la quale spende cinque euro in fase di produzione. Per farlo si mette in contatto con una influencer che ha una fan base appassionata del tipo di magliette che l’azienda vuole sponsorizzare. L’influencer ha 40.000 follower. L’azienda vuole che l’influencer pubblichi una storia in cui indossa la maglietta e che inviti all’acquisto della stessa.

Cercando di tenerci vicini alla realtà, supponiamo che solo il 40% dei follower dell’influencer visualizzi la storia e che solo l’1% di questo 40% acquisti la maglietta. Ciò significherebbe che 160 persone acquisterebbero la maglietta, portando all’azienda un utile di 3.200 €. Tolte le spese di produzione, all’azienda resterebbero 2.400 €. Se l’azienda volesse pagare 200 € alla micro influencer, porterebbe a casa un utile al lordo delle tasse pari a 2.200 €.

Influencer
Il grafico mostra le varie categorie di influencer in base al numero di follower che hanno su Instagram.

Questo esempio lo abbiamo usato giusto per farvi capire quanto può guadagnare bene anche un piccolo influencer, dato che si può permettere di chiedere buoni compensi restando comunque conveniente per le aziende.

I grandi influencer, quelli con milioni di iscritti, vengono pagati anche centinaia di migliaia di euro per ogni post.

Regali da parte dei brand

Molti influencer, soprattutto se sotto i 10.000 follower, tendono ad essere pagati con beni materiali e non con denaro.

Ciò è dovuto al fatto che i numeri di un nano influencer raramente giustificano il pagamento di somme superiori ai 100 €. Inoltre, per le aziende è più comodo e conveniente spedire direttamente un prodotto e poi lasciarlo nelle mani dell’influencer che deve pubblicizzarlo.

In questo modo l’influencer si ritroverà tra le mani un prodotto che, potenzialmente, è di suo interesse e l’azienda sarà riuscita a sponsorizzare il suo prodotto con una spesa minima.

quanto guadagna un influencer Valentina Ferragni
Un esempio di post pubblicitario nel quale si vede un oggetto donato da un brand. A volte, oltre alla donazione può essere effettuato anche un pagamento per la sponsorizzazione.

Quanto guadagna un influencer con i regali da parte dei brand

Quanto guadagna un influencer con questo metodo di pagamento? Dal punto di vista monetario, solitamente, nulla. Il guadagno con questo tipo di pagamento sta nel ricevere l’oggetto in sé e nell’aumentare il proprio appeal agli occhi degli altri brand.

Grazie a questo tipo di pagamenti, infatti, nel tempo l’influencer diventerà un canale pubblicitario più interessante agli occhi degli altri brand, che potrebbero contattarlo per collaborare, ma questa volta pagandolo con denaro sonante.

I prodotti ricevuti dall’influencer, inoltre, possono essere anche rivenduti da quest’ultimo, che in questo modo riesce ad intascarsi una piccola somma anche da questo tipo di sponsorizzazioni.

Introiti dagli annunci online dei social network

Praticamente tutti i social network, ormai, hanno la propria piattaforma per permettere alle aziende di acquistare spazi pubblicitari. Non tutti i social network, però, dividono gli introiti delle pubblicità con gli influencer presenti sulla piattaforma.

YouTube, ad esempio, divide con gli youtuber tutti gli introiti delle pubblicità che compaiono durante i video. Facebook anche divide con i creatori di contenuti gli introiti delle pubblicità che compaiono durante i video, ma solo se l’influencer che ha pubblicato il video riesce ad ottenere moltissime visualizzazioni e a rispettare una lunga serie di requisiti.

Mentre per quanto riguarda i video molti social network dividono senza alcun problema gli introiti pubblicitari con i creatori di contenuti, il discorso cambia per quanto riguarda gli altri tipi di annunci. Praticamente nessun social network, infatti, divide con gli influencer gli introiti degli annunci testuali e di tutti gli annunci che non compaiono in un video.

Annunci Andrea Galeazzi
Un esempio di un annuncio in formato banner che compare durante un video del celebre Andrea Galeazzi.

Quanto guadagna un influencer con gli annunci online dei social network

Dire quanto guadagna un influencer con gli annunci online dei social network è davvero impossibile.

Gli introiti, infatti, dipendono dalla piattaforma utilizzata dall’influencer, dalla nicchia alla quale si rivolge, dal Paese per il quale produce contenuti e così via.

L’unica cosa certa è che con grandi numeri dal punto di vista delle visualizzazioni si possono guadagnare davvero tanti soli dalle pubblicità.

Gli youtuber che trattano temi legati alla finanza, ad esempio, riescono ad incassare anche qualche decina di migliaia di euro con qualche milione di visualizzazione.

Come detto, però, le variabili in gioco sono davvero tante ed è difficile stabilire in maniera certa quanto un influencer possa incassare con la pubblicità.

Ad ogni modo, chi tratta temi legati al mondo della finanza tende a guadagnare molto di più in pubblicità rispetto a chi ha a che fare con altri settori.

Donazioni

Molti influencer, ormai, effettuano con frequenza delle dirette tramite le quali riescono a comunicare in maniera molto rapida con i loro follower.

Alcune piattaforme, tra le quali TikTok, Facebook e Twitch permettono agli spettatori di effettuare donazioni per supportare l’influencer che sta tenendo la diretta. Queste donazioni, spesso, sono effettuabili acquistando token da inviare all’influencer. Su Facebook, ad esempio, possiamo acquistare delle stelline da inviare alla persona che sta tenendo la diretta. Su YouTube, invece, possiamo scegliere se inviare direttamente una donazione sotto forma di denaro o se abbonarci al canale dello youtuber.

Quanto guadagna un influencer donazioni
Una streamer notevolmente colpita per aver ricevuto una donazione da 10.000 dollari.

Quanto guadagna un influencer con le donazioni

È chiaro che i guadagni di un influencer derivanti dalle donazioni dipendono molto dal suo pubblico di riferimento e dalla piattaforma che utilizza.

In linea generale, però, possiamo dire che un influencer bravo a tenere alta l’attenzione del pubblico riesce a guadagnare molto grazie alle donazioni. Alcuni streamer, ad esempio, permettevano agli utenti di controllare gli oggetti presenti in casa loro (luci, casse e via dicendo) attraverso le donazioni. Inutile dire che in questi casi gli introiti delle donazioni diventano davvero rilevanti.

Ci sono stati anche casi estremi di donazioni di molte migliaia di dollari.

Le donazioni, a meno che non si facciano numeri molto grandi, difficilmente diventano una fonte di guadagno per gli influencer di medie e piccole dimensioni.

Programmi di affiliazione

Sempre più influencer sponsorizzano prodotti venduti tramite programmi di affiliazione.

La sponsorizzazione di questi prodotti, solitamente, prevede l’assegnazione di un codice ad ogni influencer. I guadagni di un influencer, in questo caso saranno proporzionali al numero di persone che inseriscono il codice dell’influencer in fase di acquisto.

Questa strategia di monetizzazione è conveniente per gli influencer perché, almeno in linea teorica, non hanno un tetto massimo al guadagno potenziale. Tutto dipenderà da quanti loro seguaci decideranno di effettuare l’acquisto e di utilizzare il codice dell’influencer.

Dal punto di vista del marketing, solitamente, ad ogni codice viene associato uno sconto. In questo modo gli utenti tenderanno ad utilizzare con più probabilità il codice dell’influencer.

Quanto guadagna un influencer con i programmi di affiliazione

Come detto, il tetto massimo di guadagni con un programma di affiliazione dipende solo dal numero di persone che l’influencer riesce a convincere ad acquistare un prodotto.

In linea generale, gli infoprodotti garantiscono percentuali di guadagno decisamente più alte rispetto ai prodotti fisici. La vendita di un corso, ad esempio, può garantire all’influencer anche il 70% di quanto pagato dall’utente al venditore. Queste percentuali, ovviamente, scendono per i prodotti fisici.

I guadagni, inoltre, dipendono anche dal tipo di programma di affiliazione. Oltre al pagamento di una percentuale sul prezzo di vendita, infatti, esistono anche altri programmi di affiliazione che garantiscono una somma fissa come compenso indipendentemente dall’entità della spesa effettuata.

Partecipazione ad eventi

Tanti influencer, non per forza con moltissimi follower, partecipano come ospiti a numerosi eventi.

Questi inviti, solitamente, sono legati alle seguenti ragioni:

  • Competenze possedute nella nicchia nella quale operano
  • Fama

Nel primo caso, l’influencer, solitamente, è invitato a partecipare a conferenze nelle quale interverrà esprimendosi circa gli argomenti dei quali è esperto. Andrea Nuzzo, creatore di “Sii come Bill“, ad esempio, ha partecipato a numerosi eventi nei quali ha spiegato come creare da zero una pagina Facebook di successo e come fare ironia in maniera politically correct.

Nel secondo caso, invece, l’influencer viene invitato ad un evento principalmente per la risonanza mediatica che la cosa riesce a generare. Il compito dell’influencer, quindi, sarà quello di attirare quanta più gente possibile all’evento in questione.

Chiara Ferragni Harvard
Una foto di Chiara Ferragni dopo aver tenuto una lezione ad Harvard.

Quanto guadagna un influencer con le partecipazioni agli eventi

Gli introiti relativi alle partecipazioni agli eventi dipendono dalle competenze e dalla fama dell’influencer.

Bill e Hillary Clinton, ad esempio, nel 2015 hanno guadagnato oltre 25 milioni di dollari dai circa 100 discorsi che hanno tenuto nel corso dell’anno. Essi, almeno dal punto di vista della politica, sono considerabili a tutti gli effetti degli influencer.

Nonostante la maggior parte degli influencer non possa arrivare facilmente a richiedere 250.000 dollari per ogni discorso, non sono rari i casi di influencer pagati svariate centinaia di euro ed ospitati gratuitamente per vari giorni in alberghi di lusso nei pressi del luogo in cui si sarebbe svolto l’evento.

Come detto, più un influencer è competente nel suo settore o più è famoso e più saliranno gli introiti derivanti da questo tipo di attività.

Carriera nel mondo dello spettacolo

Molte celebrità del mondo del cinema, della musica e della televisione si sono gettate a capofitto nel mondo dei social network e sono diventate dei veri e propri influencer. Lo stesso percorso, ma al contrario, è stato seguito da tanti influencer.

Molti personaggi esplosi sul web come influencer, infatti, sono riusciti ad avviare carriere di successo nel mondo della televisione, del cinema, della musica e così via.

In Italia, ad esempio, moltissimi influencer partecipano ai reality show e alle trasmissioni televisive di intrattenimento.

I guadagni di questo tipo di attività dipendono dalla rete televisiva e da che tipo di contratto l’influencer riesce a strappare.

Quanto guadagna un influencer Giulia De Lellis
Giulia De Lellis, famosa influencer, come concorrente alla seconda edizione del Grande Fratello VIP.

Possibilità di creare un’agenzia di comunicazione

La maggior parte degli influencer riesce ad acquisire delle competenze di alto rilievo nel campo della comunicazione. Non a caso, infatti, molti influencer aprono un’agenzia di comunicazione di loro proprietà.

Queste agenzie, solitamente, si occupano delle strategie di comunicazione dei loro clienti e fanno da manager ad altri influencer.

I guadagni di questo tipo di attività sono legati al successo che riesce a riscuotere l’agenzia e alle capacità imprenditoriali dell’influencer.

Creazione di una linea di prodotti

Tanti influencer si rendono conto che riescono a far aumentare di molto le conversioni relative ai prodotti che pubblicizzano. Ciò li spinge a creare linee di prodotti che riescono a spingere sul mercato grazie alla loro immagine.

Kylie Jenner, ad esempio, è riuscita a diventare la più giovane miliardaria della storia grazie alla linea di cosmetici che ha lanciato e che ha pubblicizzato tramite i suoi canali social.

quanto guadagna un influencer kylie jenner
In passato, era possibile sottoscrivere un abbonamento mensile che ci avrebbe garantito ogni mese una scatola di cosmetici di Kylie Jenner.

Anche in questo caso i guadagni dipendono dalle capacità imprenditoriali dell’influencer.

Gli influencer italiani più pagati

L’Italia può contare un parco influencer molto ampio. Certo, essi non riescono a guadagnare le stesse cifre degli influencer stranieri, ma comunque incassano somme di tutto rispetto.

Nella seguente classifica terremo conto esclusivamente dei guadagni generati tramite Instagram, attualmente social network di riferimento per gli influencer. Non terremo in considerazione gli introiti derivanti da fonti diverse da Instagram.

1° posto: Chiara Ferragni

Possiamo affermare, senza ombra di dubbio, che Chiara Ferragni è l’influencer italiana più importante e più conosciuta al mondo.

La Ferragni, nata nel 1987 in quel di Cremona, è sempre riuscita a farsi notare sul web.

La sua prima apparizione nota è stata sul celebre Netlog. Sul social, una giovanissima Ferragni condivideva foto e momenti della sua vita quotidiana. Certo, non era tutto organizzato come ora, le “k” abbondavano e le abbreviazioni tipo “nn” e “xkè” andavano per la maggiore, ma già si poteva intravedere nella Ferragni quel talento da influencer nata.

Chiara Ferragni Netlog
Alcune foto caricate su Netlog da una giovanissima Chiara Ferragni.

Nel 2009, fonda The Blonde Salad, il suo celebre blog. Al suo interno parla di moda e di gossip.

Negli anni la sua fama è cresciuta a dismisura grazie alle ottime strategie utilizzate dalla Ferragni e dal suo team.

Nel 2016, si sposa con Federico Leonardo Lucia, meglio noto come Fedez e anche egli molto famoso sui social network.

Recentemente, nel 2019, pubblica un film dedicato a lei dal titolo “Chiara Ferragni – Unposted”.

La Ferragni, attualemente, richiede circa 52.000 euro per ogni post pubblicitario.

A questa cifra, ovviamente, si vanno ad aggiungere tutti gli altri introiti derivanti dal suo lavoro di imprenditrice digitale.

2° posto: Gianluca Vacchi

Al secondo posto di questa classifica troviamo Gianluca Vacchi.

L’uomo deve la sua fortuna principalmente alle azioni dell’azienda di famiglia, la IMA, ereditate dal padre. Il totale delle azioni della IMA possedute da Vacchi ha un valore superiore a 500 milioni di euro. Tali azioni gli hanno garantito nell’ultimo anno circa 12 milioni di euro di dividendi.

Vacchi, però, non è famoso per le sue capacità imprenditoriali dimostrate nel settore in cui opera l’IMA, ma per le indubbie doti da influencer.

L’uomo, infatti, ha più di 17 milioni di follower su Instagram e riesce a coinvolgere molto i suoi follower pubblicando contenuti legati al mondo del lusso e degli eccessi.

Gianluca Vacchi richiede circa 40.000 euro per ogni post pubblicitario.

Gianluca Vacchi
Gianluca Vacchi in una delle numerose foto che carica sui social network.

3° posto: Fedez

Al terzo posto della classifica troviamo il rapper e ormai influencer Fedez.

Nato a Milano nel 1989, ha sempre usato il web come un modo per raggiungere il grande pubblico.

Le sue strategie di crescita e comunicazione sono sempre state estremamente efficaci, come dimostrano il successo e la fama che ha raggiunto.

Il rapper ed influencer ha anche grande successo in ambito musicale, sia come cantante che come produttore e manager di talenti.

Fedez pubblica soprattutto contenuti spensierati e che riescono a strappare un sorriso. Ultimamente pubblica molte foto e video del piccolo Leone, avuto con Chiara Ferragni con la quale si è sposato nel 2018.

Fedez richiede circa 25.000 euro per ogni post pubblicitario che pubblica.

Quanto guadagna un influencer Fedez
Fedez con la moglie Chiara Ferragni e il piccolo Leone.

4° posto: Mariano Di Vaio

Mariano Di Vaio è un famoso modello e imprenditore italiano.

Nato a Cassino nel 1989, ha iniziato la sua carriera nel mondo della moda lavorando come ragazzo immagine per alcuni negozi di abbigliamento di Londra.

Prima di iniziare la sua carriera come modello professionista in Italia, ha anche frequentato un corso di recitazione in quel di New York.

L’inizio vero e proprio della carriera da influencer di Di Vaio si ha nel 2012, quando l’uomo aprì il blog a tema moda “mdvstyle”. Nel blog parla della sua vita e del mondo della moda in generale.

Mariano Di Vaio richiede circa 19.000 euro per ogni post pubblicitario che pubblica.

Mariano Di Vaio
Mariano Di Vaio in posa.

5° posto: Giulia De Lellis

Al quinto posto della classifica degli influencer italiani più pagati, troviamo Giulia De Lellis.

Giulia De Lellis è un personaggio pubblico italiano salita agli onori delle cronache per aver partecipato a programmi televisivi quali Uomini e Donne ed il Grande Fratello VIP.

I suoi modi di fare e la sua spontaneità sono riusciti a fare breccia nel cuore delle persone, che l’hanno continuata a seguire sui social anche dopo la fine delle sue apparizioni televisive.

Attualmente, la De Lellis incasserebbe circa 14.000 euro per ogni post pubblicitario, per un totale di circa 1.000.000 di euro all’anno di entrate derivanti solo dai post di Instagram.

quanto guadagna un influencer De Lellis
Giulia De Lellis con la sua fiamma storica, Andrea Damante.

Gli influencer più pagati al mondo

Oltre alla classifica nostrana, abbiamo deciso di mostrarvi anche la classifica internazionale degli influencer più pagati al mondo.

Le cifre, rispetto alla classifica italiana, sono decisamente più alte e potrebbero lasciare a bocca aperta molti di voi. Esse, ovviamente, sono giustificate dall’enorme risonanza mediatica che riescono ad avere questi influencer.

La classifica, proprio come la precedente, tiene conto solo degli incassi relativi ai post di Instagram.

1° posto: Kylie Jenner

Nata nel 1997, Kylie Jenner deve la sua fama al reality show “Al passo con i Kardashian”.

Nel 2019, la Jenner richiedeva circa 1.266.000 dollari per ogni post pubblicitario pubblicato sul suo profilo Instagram.

La Jenner è famosa anche per essere la più giovane miliardaria della storia, risultato ottenuto grazie alle sue iniziative imprenditoriali nel mondo della cosmesi.

Kylie Jenner
Nella foto possiamo notare come Kylie Jenner abbia lavorato molto anche sul cambiamento della sua immagine.

2° posto: Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo, a quanto pare, è un fuoriclasse anche nel mondo dei social network.

L’uomo deve la sua fama principalmente alle sue indubbie doti sportive.

Ronaldo richiede circa 975.000 dollari per ogni post pubblicitario pubblicato sul suo profilo Instagram.

Cristiano Ronaldo Quanto guadagna un influencer
Cristiano Ronaldo che bacia la coppa vinta con la nazionale portoghese all’Europeo 2016.

3° posto: Ariana Grande

La cantante italo-americana (come ama definirsi lei) è nata in Florida nel 1993 ed ha raggiunto il successo grazie alle sue doti musicali.

La giovane cantante richiede fino a 966.000 dollari per ogni post pubblicato su Instagram.

Ariana Grande
Ariana Grande in posa.

4° posto: Kim Kardashian

Il secondo membro della famiglia Kardashian in questa classifica è Kim, sorellastra di Kylie Jenner.

Anche essa diventata famosa con il reality show di famiglia, arriva a richiedere fino a 910.000 dollari per ogni post pubblicitario pubblicato su Instagram.

Kim Kardashian, come molti altri componenti della sua famiglia, ha creato varie linee di prodotti che hanno a che fare con la bellezza e la cura personale.

Kim Kardashian Quanto guadagna un influencer
Kim Kardashian in una delle foto di un servizio fotografico molto celebre e molto discusso quando fu pubblicato.

5° posto: Selena Gomez

Selena Gomez è diventata famosa sin da bambina grazie alla partecipazione a numerose serie televisive. La sua fama, però, ha avuto un’esplosione quando iniziò a lavorare per Disney Channel.

Finita la collaborazione con Disney Channel, la Gomez si è dedicata con successo al lavoro da cantante.

Selena Gomez richiede circa 886.000 dollari per ogni posto pubblicitario pubblicato su Instagram.

Selena Gomez
Selena Gomez ai tempi di Disney Channel.

Quanto guadagna un influencer: considerazioni finali

In questa guida vi abbiamo spiegato come monetizzano gli influencer e quanto possono arrivare a guadagnare.

Le cifre che abbiamo indicato sono reali ed estremamente allettanti.

Per poterle guadagnare, però, c’è bisogno di tanto duro lavoro e di moltissima dedizione alla cura della propria immagine e delle strategie di comunicazione.

Superati gli scogli iniziali, però, la vita da influencer è decisamente vantaggiosa e ricca di soddisfazioni.

Ti è piaciuta questa risorsa? Premiaci!
[Totale: 1 Media: 5]

About Vincenzo Napolitano

Atletico, salutista, non procrastinatore, sensibile. Vincenzo Napolitano non è nulla di tutto ciò. Scrive cose di marketing (soprattutto digitale) per Notizie.Business.

Leggi Anche

instasprint

Instasprint: Il Miglior Bot per Instagram?

Instagram è un social in notevole ascesa. Nell’anno passato ha infatti abbattuto la soglia di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *